Personalità, la natura che cambia
3 Aprile 2017
Must have femminili di primavera
3 Aprile 2017

By Alessandro Nava
4 aprile 2017

E’ un monumento, Veronica Ciardi. Di quelli strani, indefiniti, imponenti e silenziosi. Stanno immobili ma non perdono nulla, niente gli sfugge. Per quanto li possa conoscere non comprendi se siano di fragile e puro cristallo o invadente e forte cemento.

E’ la storia di una creatura complessa. Che viene dal Grande Fratello e che ama i bambini, da sempre, perchè ogni fiume è puro alla sorgente. E’ dopo che si deforma attraverso gli altri. Ed è proprio dalla costante e faticosa ricerca di senso e di sé che vengono declinate rarefatte e difficoltose sfumature per vedere Veronica, oltre Veronica. Un’ instancabile ricercatrice. Una minuziosa studiosa di questi strani meccanismi che regolano rapporti e istinti fra mondi e persone. Non le interessano definizioni, forse non le interessa nemmeno essere qualcuno. Se non un individuo. Silenzioso e nascosto dagli immensi mondi fantastici. C’è ancora chi vive di sogni, chi si nutre di ideali, chi faticosamente, quotidianamente, costruisce il proprio cantuccio di serenità al riparo da un esterno arrogante e violento. E’ complesso adattarsi, è complesso comprendersi, è complesso amarsi. Chi si affronta combatte la battaglia più difficile in assoluto.

La più grande prova di coraggio. Ed è questa, forse, la grande sfida della vita. Veronica l’ha capito. E da anni si affronta. Chi si affronta ha già vinto, ha già capito tutto. Ha già compreso da dove veniamo e dove, di certo, siamo diretti. E’ un equilibrio incredibile quello del cristallo e del cemento. Destinato a pochi. Dietro la malinconia, l’erotismo e la grinta di due immensi occhi alberga una vincitrice. Non sarà mai lei a dirlo, devono essere gli altri a comprenderlo. Pochi lo comprenderanno. Ed è giusto e va bene così.

Creative director: Alessandro Nava
Ph:
 Christopher Iapino
Style: Pietro Rebosio
Mua: Bruno Oliveira
Video: Gerti Ibra