i just don't care
I Just don’t Care
17 Aprile 2015
La storia di Erica: tra malattia e negligenza
20 Aprile 2015

Oxford Nielsen, classe 1991, originario di Norwich, Inghilterra. Vive a Londra, lavora come modello. La sua agenzia madre è la Storm, a Milano è rappresentato da Boom Models Management.

Chi è Oxford?

Mi chiamo Oxford Nielsen, ho 21 anni, e vivo a Shoreditch – East London. Sono nato in Inghilterra ma ho origini scandinave, e sono cresciuto nelle campagne inglesi. Mi sono trasferito a Londra nel 2009 ed ho iniziato a fare il modello con Storm Models. Amo cucinare, trascorro tutto il mio tempo libero a cucinare e mangiare. Credo veramente che ciò che mangiamo sia importante, e sono molto ferrato nel nutrizionismo. Cucino sempre a casa ciò che devo portarmi in giro per lavoro: d’altronde, dato che il cibo è così importante, perchè non prenderlo veramente sul serio? Al momento sto scrivendo un libro di ricette intitolato “The Gentleman’s Cook Book”, quindi per me aver trascorso un periodo in Italia è stato un grande aiuto! Posseggo anche un piccolo brand di abbigliamento chiamato “Astray”: produciamo dello streetwear unisex abbastanza sexy e grintoso. Per divertirmi amo le feste e socializzare con gli altri in generale: potete trovarmi quasi ogni sera al Groucho Club a Soho, Londra, fino al mattino.

Come defineresti il tuo stile?

Amo la moda. Amo girarle intorno ogni giorno. Con i vestiti puoi essere chiunque vuoi. Il mio stile personale ha due sfaccettature ben distinte: il mio look di tutti i giorni è veramente casual, quasi trasandato a volte, e solitamente indosso delle sneakers Reebok vintage, jeans aderenti e felpe larghe con una favolosa giacca da baseball americana; è un look molto londinese in effetti. La maggior parte dei miei vestiti casual proviene da store vintage. Al contrario, i miei vestiti eleganti son molto diversi: credo che un uomo semplicemente debba essere classico e non troppo sofisticato in occasioni più formali; ho un paio di “elementi di base” che indosso sempre quando vado a feste, a cene importanti o cose del genere: uno è il mio smoking nero di Burberry e l’altro è, per le situazioni non così formali, la mia giacca di lana nera di Calvin Klein ed il mio maglione a collo alto di cachemere blu notte, che non passa mai di moda.

In quale epoca ti sarebbe piaciuto vivere?

Che domanda difficile! Amo la storia ed il suo romanticismo: avrei voluto vivere nella Francia rivoluzionaria, in un epoca dove le idee stavano davvero iniziando a cambiare, tanto politicamente quanto tecnologicamente; deve esser stato veramente pericoloso e molto violento, ma davvero divertente esser parte di qualcosa che stava cambiando totalmente il mondo ed il modo di vedere le cose, per poi assestarsi e dar forma alla storia contemporanea. Ed ovviamente la moda di allora era stupenda! Parrucche incipriate e scarpe con fibbie.. Datemi una macchina del tempo e corro subito!

Quali stilisti o brand ti rappresentano al meglio?

Chiamatemi pure anglofilo, ma adoro quello che si sta affermando a Londra in questo momento. Negli ultimi anni abbiamo visto la moda londinese crescere veramente, ed adesso siam diventati una vera capitale della moda senza dover tirar fuori outfit pazzi ed orribili a vedere per attirar attenzione creando scandalo. La moda di Londra non è mai stata così chic, ed i designers come Sarah Burton per McQueen e Christopher Baily per Burberry stanno tracciando una nuova strada. In termini di marchi veri e propri, credo che il mio marchio Astray (www.astrayclothing.com) mi rappresenti al meglio (ed è logico!) soprattutto perchè sono creazioni veramente mie; è quello che voglio indossare giorno per giorno, è casual ma sexy, mi calza perfettamente ed è veramente semplice da abbinare. Insomma, il mio perfetto tipo di abbigliamento.

Per te essere una Star significa…?

Per essere un star devi brillare più intensamente di tutto il resto. Deve esserci veramente qualcosa di speciale in te, e deve venir fuori solo al momento giusto. Metaforicamente parlando, devi far girare la testa a tutti per guardarti, quando loro meno se lo aspettano.

La tua Star quindi è…?

La mia star è indubbiamente la sola ed unica Kate Moss. Ha fatto incantare il mondo per 20 anni e tuttora continua a lavorare con quel particolare tipo di magia che attrae tutta l’industria della moda. Ci sono veramente poche persone al mondo che han raggiunto il suo successo, ed è stata capace di mantenerlo. E’ una delle donne più famose al mondo eppure sappiamo così poco su di lei: bellissima ed altera, una vera star.

Il tuo motto è…?

La semplicità è la chiave della felicità. Credo che i piccoli momenti siano quelli che alla fine ci rendono felici, e non importa quanti beni accumuliamo nella nostra vita, alla fine tutto quello che ricorderemo saranno i buoni amici, il buon cibo e le risate.. Un sacco di risate.

Intervista: Alessandro Nava
Foto: Nicola Casini