Giovanna Lomazzi
8 Marzo 2016
Micol Ronchi
9 Marzo 2016

Sincera, schietta, sfacciata, sensuale, sensibile, sicura, e, diciamocelo, quando serve, stronza. Di quelle che ti fanno sprecare le S nel vocabolario perché tali e tante sono le sue sfaccettature da non essere mai sicuri di averla compresa a pieno. Eppure senza contraddizioni. Ed è fatta così: o la si ama o la si odia. E noi l’amiamo.

ronchi_1
E’ scesa dal trespolo di Piero Chiambretti ed è andata a indagare nella strada; ha preso i microfoni di M2O e raccontato se stessa e la vita, ha scoperto, prima di molti colleghi il potere dei social e ne è diventata un timoniere. Tutto questo facendo quello che le riesce meglio: destabilizzare.

Eccola che in un’intervista #nofilter si racconta a StarsSystem nel vano tentativo di farci capire chi è, realmente, Micol Ronchi.

ronchi_5Dress: Ultrachic, Dress: List

Quando il piccolo Matteo ha coniato il termine petaloso un po’ la testa è andata a te. Piena di idee, piena di risorse, piena di look, piena di trasformazioni. Ora dicci esattamente: da che parte stai?

Ce l’ho, non lo so. Uno dei miei peggiori difetti è che se anche prendo una posizione, la tengo per me. Sono politicamente corretta, molto più silenziosa e paziente di quanto non ci si aspetti. Sto dalla parte di chi ama ridere. Di se stesso, degli altri, della quotidianità che parte dal caffè macchiato la mattina alle otto.

ronchi_4Dress: List

Capito, capito, capito. Metto la musica, così ti rilassi: hai preferenze?

Metti qualche blues. In un’altra vita devo essere stata un vecchio cantante di orrendi blues.

ronchi_2Dress: Amen

Hai intuito prima che diventasse strumento di massa, il potere dei social, regalando immagini bellissime, che rendono onore alla tua bellezza e alla dote che tutti ti riconoscono che è la capacità di trasformarti. Poi, da un pezzo a questa parte, la scelta di mostrarti come la ragazza della porta accanto. No filter, e quando serve anche qualche porcone indirizzato ad hoc. Questo cambio di rotta ce lo spieghi o scomodiamo sociologi e trend setter?

Per creare immagini perfette, patinate, per essere insomma un “desiderio” sotto tutti punti di vista, non credo basti semplicemente una bella fisicità.
Prendiamo quelle che dal mondo dei social ci hanno guadagnato veramente tanto, una “Chiara” a caso, che volete voi.
Loro non sono solo “selfie” ma anche e sopratutto un team di persone che le aiutano a costruire quell’ immagine. Io non elemosino la “fiducia” a nessuno, e per essere semplicemente te stessa, non devi rendere grazie a nessuno.

ronchi_6Outfit: Mangano, Shoes: Gianmarco Lorenzi

La moda: un punto di partenza per te che hai iniziato come modella. Oggi cosa rappresenta?

Al momento un bel dilemma. Il 14 marzo inizio tutti giorni su m2o radio, un programma quotidiano di moda. Ammetto la mia ignoranza anzi, se qualcuno ha delle idee mandi pure!

E la radio, che da un appuntamento settimanale è diventata quotidiano, dove molto si ascolta e poco si vede, cosa ti ha insegnato? E soprattutto, come ti ha sedotto?

La parola mi affascina da sempre. Chi ben mi conosce sa che vado oltre il concetto di “logorroica”. È il “media” che più mi si addice. E anche l’unico che ti dà la misura sul tuo talento come intrattenitore.
Nel 2009 Repubblica mi definì “la prima diva radiofonica che funziona perfettamente anche senza mostrare un pezzo di chiappa o una fetta di tetta”. Che meraviglia. Che soddisfazione. Vado oltre la macelleria…

ronchi_3Outfit: Gaelle

Ph: Marco Castellani & Renèe Liszkai
Creative Director: Alessandro Nava
Stylist: Luca Zanni
MUA & Hair: Sara Guerrasio
Video: Francesco Italia

StarsSystem presents: Micol Ronchi by Marco Castellani & Renèe Liszkai from StarsSystem.