Chris Brown arrestato a Parigi: l’accusa è stupro
23 Gennaio 2019
TVLand: dal libro del profeta Adrian (Celentano)
24 Gennaio 2019

Le nomination agli Oscar di quest’anno hanno fatto la storia. Black Panther è infatti il primo film di supereroi a essere nominato per una statuetta, così come è la seconda volta nella storia della cerimonia che un film straniero ottenga 10 nomination (parliamo ovviamente di Roma) e che un’attrice venga candidata sia come miglior protagonista che per la miglior canzone (Lady Gaga per A Star is Born). Ma c’è anche un’altra serie di nomination che ha fatto molto parlare, e riguarda La Favorita. La pellicola diretta dal greco Yorgos Lanthimos vede infatti tutte e tre le sue interpreti principali – Olivia Colman, Rachel Weisz ed Emma Stone – riconosciute per le loro performance, due nel ruolo di attrice non protagonista e una come leading actress.

Il film è ambientato nei primi anni del XVIII secolo, mentre l’Inghilterra è in guerra con la Francia. La sovrana britannica Anna (Olivia Colman, già vincitrice della Coppa Volpi a Venezia e di un Golden Globe per il ruolo) si trova in forte difficoltà a gestire i problemi del suo regno ed è la sua intima amica Lady Sarah Churchill (Rachel Weisz) a governare ufficiosamente il Paese al suo posto. Questo finché non arriva a palazzo sua cugina Abigail (Emma Stone) che in poco tempo riesce ad accaparrarsi il ruolo di “favorita” della regina, spodestando Sarah. La pellicola è una commedia, una “falsità anacronistica consapevole” dove gli uomini sono impegnati a vestirsi in modo estroso (basti vedere i costumi dell’attore Nicholas Hoult) mentre le donne parlano di politica e si dedicano al tiro al piccione. Il linguaggio moderno fa apparire La Favorita ancora più attuale e dimostra come il pubblico abbia sempre più voglia di vedere donne complicate sullo schermo.

“Da quando ho iniziato a scrivere la sceneggiatura con Tony McNamara, sapevamo che volevamo creare tre personaggi complessi e complicati, che in momenti diversi del film avrebbero assunto il ruolo di protagonista” ha spiegato il regista. La Favorita è il 19esimo film nella storia degli Oscar a produrre tre nomination per ruoli femminili. Il record resta però di Eva contro Eva (1950) con quattro candidature. In quel caso nessuna delle nominate portò a casa una statuetta, chissà come andrà alle tre protagoniste di quest’anno…

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Joe Alwyn (@joe.alwyn) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da The Favourite (@thefavouritemovie) in data:

Related Post