Meghan Markle: la duchessa dai poco nobili intenti
21 Febbraio 2019
Annalisa Minetti – Instancabile guerriera
22 Febbraio 2019

Anche quest’anno i più ambiti premi musicali del Regno Unito, i Brit Awards, sono stati l’occasione per riunire le più importanti star e i cantanti più apprezzati del mondo musicale british trasformando l’evento musicale in uno dei più attesi e seguiti.

 I BRITs, inaugurati per la prima volta nel 1977, ogni anno portano alla ribalta i cantanti e i gruppi più importanti del Regno Unito. La O2 Arena è stata anche quest’anno la location perfetta per l’evento, contenitore di emozioni, spettacolo, moda e musica. I vincitori dell’edizione 2019 sono Jorja Smith e George Ezra che si aggiudicano il titolo di migliori cantanti britannici dell’anno. Migliori artisti internazionali Ariana Grande e Drake, mentre Dua Lipa si è portata a casa il riconoscimento per il miglior singolo, One Kiss.

Ma il vero spettacolo nello spettacolo è stato l’impareggiabile show di apertura con protagonista Hugh Jackman: l’attore della saga cinematica di Wolverine (entrato nello stesso giorno dei BRITs 2019 nel Guinness dei Primati per essere stato l’attore ad aver interpretato un supereroe della Marvel più a lungo, in questo caso Logan, per ben 16 anni) si è dimostrato a suo agio tanto sul palco quanto sul set, cantando e ballando sulle note di The Greatest Showman. Vincitore nel 2004 del Tony Award come miglior attore protagonista di un musical per The Boy from Oz, Jackman con la sua performance ha fatto da apripista alla lunga notte di premiazioni. Bravo padrone di casa Jack Whitehall che ha saputo presentare con ordine e umorismo l’intera serata. E tante, tante sorprese, a partire dal meritatissimo premio alla carriera a P!nk.

 

Maria Verderio

 

Visualizza questo post su Instagram

 

This is where you wanna be. @brits @atlanticrecords @tomford @visualprostitute @ashleywallen

Un post condiviso da Hugh Jackman (@thehughjackman) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

The #BRITs 2019 will go down in history 🙌

Un post condiviso da BRITs (@brits) in data: