Moschino x H&M: la moda si fa pop
26 Ottobre 2018
Il cavallo di Leonardo
26 Ottobre 2018

By Mariella Baroli
26 Ottobre 2018

“È l’anno zero”. Così i Maneskin annunciano il loro primo album intitolato Il Ballo della Vita. Il gruppo – arrivato secondo alla scorsa edizione di Factor – parla del loro primo disco come “un messaggio di libertà totale: estetica, musicale e attitudinale” che trae ispirazione da alcuni grandi della musica dai Queen, Led Zeppelin e Gipsy Kings fino a Paolo Nutini. Per il cantante Damiano l’album è “un’altalena di emozioni”, una dedica a Marlena (la ragazza in copertina) che rappresenta l’anima creativa del gruppo. Esaltante, completo, per certi versi rigenerante. Dopo Memories Don’t Die Tory Lanez non si ferma e sforna il secondo album del 2018: il rapper canadese riempie i vuoti di sceneggiatura lasciati nel primo album trovando finalmente quel giusto compromesso tra r’n’b e rap che suona differente rispetto a tante copie che si sentono ultimamente in rete. Virtuosismi vocali, featuring di spessore e tracce ben calibrate. Insieme a loro nella playlist della settimana troviamo anche la voce di Andrea Bocelli che per il suo nuovo album ha deciso di collaborare con alcuni grandi nomi del panorama internazionale, tra cui la popstar Dua Lipa con If Only. Un’accoppiata che vi stupirà e farà scoprire l’incredibile voce del tenero anche alle nuove generazioni.

L’ultima settimana d’ottobre vede anche il ritorno alla radio del gruppo inglese Mumford & Sons con il singolo If I Say. Una canzone nata da un sogno, alle tre del mattino in una camera d’albergo di New York. Un assaggio del nuovo album Delta in uscita il prossimo 16 novembre a tre anni dal loro ultimo lavoro. Concludiamo con due collaborazioni che sono destinate a scalare le classifiche (e magari finalmente scalzare i Maroon 5 dalla prima posizione). Parliamo di Arms Around You, canzone che unisce le voci di XXXTentacion, Lil Pump, Maluma, Go Swae Lee alle doti da produttore di Skrillex. Un mix tra rap e pop capace di conquistare chiunque. La seconda collaborazione è tra Steve Aoki e il gruppo K-pop BTS. Reduce del successo planetario di Mic Drop, il dj ci riprova con Waste it on Me, la prima canzoni completamente in inglese del gruppo coreano.