Blu Hotels: la bellezza della natura
19 Febbraio 2018
La Merda: il grido disperato di un essere umano
20 Febbraio 2018

By Mariella Baroli
20 Febbraio 2018

I Hate Rihanna. La cantante festeggia così il suo trentesimo compleanno, pubblicando uno scatto in cui indossa una maglietta dalla scritta inequivocabile. In una foto c’è tutta l’essenza di Rihanna: una donna capace di osare, che conosce quanto vale e non chiede scusa a nessuno. È proprio questo che ha fatto di Robyn Fenty – il suo vero nome – un’icona pop.

Debutta nel 2005, dopo essere stata scoperta da un produttore in vacanza alle Barbados, con Pon de Replay. Quando incontra Jay Z egli ne riconosce subito il talento e per paura che firmi con un’altra casa discografica, le fa immediatamente un contratto. Da quel momento Rihanna pubblica un album ogni anno, vince 9 Grammy Awards e colleziona 14 numero #1 nella Billboard Hot 100.

Nel 2013 le cose cambiano. Dopo aver vinto il suo sesto Grammy per il featuring con Calvin Harris in We Found Love, la cantante decide di lasciare la casa di produzione che l’ha accompagnata in tutta la sua carriera e si mette al lavoro sul suo nuovo album. Anti esce solo nel 2016, un’attesa lunghissima per i fan di Rihanna, ma rispecchia a pieno la cantante, forse più di qualsiasi altro disco da lei pubblicato. Anti si guadagna velocemente la prima posizione, non una ma ben due volte a distanza di pochi mesi, ma la cantante è già impegnata a lavorare al suo nono progetto. Si parla spesso di Beyonce e del suo impatto nel mondo della musica e della cultura pop in generale. Troppo spesso invece si sottovaluta quello che ha fatto Rihanna. Oltre a essere stata la prima a collaborare con un DJ (lanciando una vera e propria moda), RiRi non ha perso tempo e prima dei suoi trent’anni è già un’imprenditrice di successo.

La sua prima collaborazione è con Jay Z. Rihanna è infatti uno dei fondatori e investitori della piattaforma musicale Tidal, ma è con il mondo della moda che la cantante riesce a esprimere al meglio se stessa. Nel dicembre del 2014 diventa direttore creativo per Puma e nel 2016 lancia la sua prima collezione per il marchio, “Fenty x Puma”. Nel 2017, invece, firma un accordo da 10 milioni di dollari con LVMH dando vita alla rivoluzionaria “Fenty Beauty”, un marchio adatto a tutte le donne, soprattutto di etnie diverse. A soli trent’anni, Rihanna può permettersi di prendersi tutto il tempo che desidera prima di pubblicare un album. Può concentrarsi sulle sue passioni e sul suo lavoro umanitario, restando comunque tra gli artisti più amati e ascoltati. “Il mio motto è essere fedele a me stessa” ha più volte ricordato. Nessuno lo fa meglio di Rihanna. Il suo nono album è previsto per quest’anno, ma non è ancora trapelata alcuna notizia in merito alla data d’uscita o al titolo. Quello che è certo è che Rihanna dominerà anche quest’anno. L’impero di Fenty colpisce ancora.