Hit estive: dieci anni a ritmo di musica

TVLand – Bosso, Beethoven e quelle parole che non servono
20 Giugno 2019
Matthieu Jost – Mister B&B
26 Giugno 2019

By Mariella Baroli
25 Giugno 2019

La canzone dell’estate è un pezzo da record. Quello che colleziona visualizzazioni a sei zeri su YouTube, che senti alla radio e che si ripropone in tutte le playlist di Spotify. La canzone dell’estate è quel pezzo che dici a tutti gli amici di non sopportare più, che solo le prime strofe di danno il voltastomaco e che poi una mattina ti trovi a canticchiare senza sapere perché. Non è certo un caso che lo chiamino tormentone. Poche canzoni hanno questo appeal. Lo sa bene Camila Cabello che dopo aver fatto ballare tutto il mondo con la sua Havana lo scorso anno, si prepara al suo secondo album da solista. Ma forse nessuno lo sa meglio di Luis Fonsi che grazie a Despacito ha battuto tutti i record possibili, risultando primo in classifica per oltre 16 settimane di fila. La canzone – diventata un fenomeno globale anche grazie al featuring di Justin Bieber – è uno dei cinque migliori brani latini di tutti i tempi secondo Billboard e in Italia è stato certificato disco di diamante. E se alla fine degli anni Novanta erano stati i Los Del Rio con la loro Macarena ad animare le spiagge di tutto il mondo, gli anni Duemila iniziano sulle note di Crazy In Love, primo duetto della coppia Beyoncé e Jay-Z.

Il 2007 è invece l’anno in cui Rihanna consolida la sua fama con il singolo tratto dal suo terzo album Good Girl Gone Bad, Umbrella. L’anno seguente è il turno di un’altra donna, ancora protagonista della scena pop contemporanea, Katy Perry. Regina indiscussa dei tormentoni estivi, grazie a Teenage Dream e California Girls, tutto è iniziato nel 2008 con un bacio che sapeva di “burrocacao alla ciliegia”. I Gotta Feeling dei Black Eyed Peas ci ha fatti scatenare durante i mesi più caldi del 2009 mentre la stella cometa degli LMFAO ha brillato nel 2011 con un Party Rock Anthem che ha fatto capolino anche nella pubblicità delle M&M’s durante il Super Bowl. Il 2013 non solo lancia una canzone dell’estate, ma anche una nuova it-girl dal nome impronunciabile. La modella Emily Ratajkowski fa il suo debutto nel video di Blurred Lines di Robin Thicke e il resto è leggenda. Il 2016 è l’anno di Drake con One Dance. Che sia un feature nel singolo Work di Rihanna o un challenge fuori dagli schemi sulle note della sua ultima hit, il rapper rimane sempre sulla cresta dell’onda. La battaglia per la canzone dell’estate 2019 è già iniziata e sono tante le pop girl che si stanno preparando a pubblicare il loro nuovo album. Chi vincerà?