Lily Rose Depp, fascino francese
5 Aprile 2017
Social che fanno male all’amore
6 Aprile 2017

By Andrea Ienco
6 Aprile 2017

A due anni di distanza da Via delle Girandole 10, il cantautore laziale Fabrizio Moro propone al pubblico il suo nuovo album Pace.

Pace è un album che rappresenta un vero e proprio cambio di passo per Moro, perché in esso c’è un cambiamento concreto, anche se la musica resta il vero valore aggiunto. Il titolo del disco è emblematico: cercava serenità e l’ha trovata, nonostante sembrasse una missione impossibile.

Portami via, il brano che ha portato a Sanremo, è una canzone pensata per la propria bambina e, per una volta, non è una dedica di un padre innamorato ma di un papà che riconosce l’enorme energia che quella nuova vita ha portato all’interno della sua esistenza. In Semplice il ritmo va fortissimo, a mille all’ora, creando nell’ascoltatore una senso di curiosità attraverso un Moro mai sentito prima. Il brano è un’iniezione di pura fiducia e vuole ricordare come tutto sia possibile. Diametralmente opposta, almeno a livello melodico, è Intanto, molto più romantica e soprattutto sussurrata. Pace, la titletrack dell’album, è un brano riflessivo e ridotto al minimo per quanto riguarda l’accompagnamento musicale, come se volesse permettere al testo di esprimere tutta la sua bellezza. Nonostante il totale cambiamento non manca, e aggiungerei per fortuna, il Fabrizio Moro nostalgico: in Giocattoli l’innocenza ed il disincanto dei bambini vengono presi come modello e come l’essenza che garantisce la spensieratezza dell’uomo. Sono Anni Che Ti Aspetto è stato l’antipasto del brano di Sanremo ed ha un testo bellissimo, una vera autoanalisi dei propri limiti, quelli che non si dimenticano e che ancora non si è riusciti a capire. La felicità è un brano totalmente rivolto ai sogni, tutte le persone cercano disperatamente di raggiungerla. Infine sorprende e stupisce E’ più forte l’amore, in featuring con Bianca Guaccero: non tanto per il testo o la musica in sé, ma per la scelta della voce femminile e soprattutto per il duetto, alternativa mai presa in considerazione dal cantautore romano.

Pace è senza dubbio un disco riuscito che forse, e finalmente, assegnerà a Fabrizio Moro un posto in prima fila tra i grandi cantautori italiani contemporanei.

TRACKLIST

1 – Pace

2 – Tutto quello che volevi

3 – Giocattoli

4 – Semplice

5 – Portami via

6 – La Felicità

7 – L’Essenza

8 – Sono anni che ti aspetto

9 – Andiamo

10 – E’ più forte l’amore feat. Bianca Guaccero

11 – Intanto