Focus on Calcaterra
8 Marzo 2017
Gigi Hadid e Reebok, nasce #PerfectNever
9 Marzo 2017

By Andrea Ienco
09 Marzo 2017

Ermal Meta è un cantante che ha una grande dote: sa scrivere molto bene le canzoni.  Lo ha dimostrato in maniera esemplare nel corso degli anni, firmando alcune delle più belle canzoni incise da artisti come: Annalisa, Marco Mengoni, Lorenzo Fragola e Emma.

Odio le favole, la canzone sanremese dello scorso anno, ha rappresentato il primo capitolo di quello che si può definire un progetto discografico a largo respiro, cominciato con Umano (l’album d’esordio come solista) e completato ora con Vietato morire.

L’album Vietato Morire si sviluppa attraverso 9 canzoni che affrontano la musica pop con padronanza, permettendo all’ascoltatore di immergersi totalmente all’interno dei brani, tenendo a distanza noia e sbadigli.

Testo e musica delle nove tracce hanno come autore lo stesso Ermal Meta, ad eccezione di Voodoo love (scritta con la collaborazione di Roberto Cardelli), La vita migliore (creata con Vicio dei Subsonica) e New York (stesa con Marco Montanari).

Il caso più evidente del legame tra i due album si ha con Lettera a mio padre, uno dei brani più forti e struggenti del cantante, e con Vietato morire. Nel primo brano Ermal racconta il suo rapporto conflittuale con il padre, figura da lui definita violenta, con cui ha tagliato volutamente i rapporti all’inizio dell’adolescenza, per poi scappare via dalla sua terra; nel secondo, invece, racconta del sentimento che lo lega alla madre, la quale gli ha permesso di condurre una vita serena, lontano da quel clima di odio cui era esposto.

Potente il duetto Ermal Meta – Elisa di Piccola Anima, nel quale si percepisce l’incredibile gioco di vocalizzi dei due. Il concetto chiave della canzone viene rafforzato: “Niente è più fragile di una promessa ed io non te ne farò nemmeno una…”.

La Vita Migliore è un invito alla positività in visione pop elettronica, mentre New York è un brano dal sapore retrò che rimane impresso nella mente di chi lo ascolta. Voodoo Love è una ballata che parla d’amore e dolcezza tra una coppia di innamorati: “E’ bello volersi bene ed ogni tanto dirselo”. Il brano riesce nell’arduo compito di non svilire l’idea stessa di romanticismo. Anche Voce del verbo racconta una storia amorosa ma lo fa in maniera più ritmica, con una scena iniziale lenta culminante in un grido liberatorio: “Fanculo alla tristezza!”.

Colpisce anche il secondo inedito Ragazzo Paradiso, che si presenta come una piacevole dedica nei confronti di una ragazza. Rien ne va plus, infine, unisce l’interessante del testo a un sound orecchiabile e ha tutte le carte in regola per poter diventare un tormentone, oltre che probabile singolo.

Ermal Meta, inoltre, sarà presente quest’anno al serale di Amici in veste di giurato.

 

TRACKLIST

Vietato morire
Ragazzo paradiso
Piccola anima feat Elisa
Bob Marley
La Vita migliore feat Vicio
New York
Vodoo Love

Rien ne va plus
Voce del verbo