Thomas Tsalapatis – L’alba è un massacro, Signor Krak
26 Febbraio 2019
Chirurgia estetica: dolori connessi alla psicologia
27 Febbraio 2019

By Mariella Baroli
26 Febbraio 2019

Bohemian Rhapsody viene ancora proiettato nei cinema di tutta Italia, facendo innamorare una nuova generazione di Freddie Mercury e del mito dei Queen. Le Spice Girls (senza Victoria) hanno annunciato un nuovo tour in giro per il mondo e i Backstreet Boys al gran completo hanno appena pubblicato il loro decimo album. Persino i Jonas Brothers stanno pensando – dopo carriere soliste di maggiore o minore successo – di tornare a fare musica insieme. L’effetto nostalgia non è mai stato così potente, o così redditizio. Ecco 5 band che ci piacerebbe rivedere insieme e, chissà, magari in questo 2019 esaudiranno il nostro desiderio.

The Smiths

Non possiamo dire che non ci abbiano provato. All’inizio dello scorso anno, tre membri del gruppo avevano annunciato un tour, ma la cosa era finita malamente. Secondo Johnny Mary a ostacolare la reunion dei The Smiths – che non suonano insieme da 29 anni – sarebbe proprio il suo leader, Morrissey. Qualche anno fa gli organizzatori del Coachella avevano offerto loro 75 milioni per un concerto, ma la band aveva rifiutato. Insomma ci vorrà parecchio per convincerli, ma non abbandoniamo le speranze.

 

*NSYNC

Quando questa band ha deciso di prendersi una pausa aveva appena battuto il record di maggiori copie vendute in una sola settimana (2 milioni, per la precisione). Diciotto anni dopo, partecipano insieme alla cerimonia d’assegnazione di una stella sulla Hollywood Walk of Fame. Tra i membri del gruppo, l’unico ad aver avuto una carriera, al di fuori degli *NSYC, è stato Justin Timberlake, ma nell’ultimo periodo la sua musica è stata alquanto deludente. Forse quello che gli serve per tornare a scalare le classifiche è ritrovare gli amici di un tempo (Lance Bass, Joey Fatone, JC Chasez, Chris Kirkpatrick). Justin, accetta il consiglio.

Sex Pistols

Ci hanno già provato a riunirsi, ma dall’ultima volta sono ormai passati 10 anni. Il chitarrista della band Steve Jones non esclude la possibilità che i Sex Pistols tornino sul palco insieme, ma mentre i The Smiths non sono disposti a riunirsi neanche davanti a un assegno da 75 milioni, loro probabilnente ci farebbero un pensierino. Peccato che la cifra da capogiro non sia ancora arrivata e Jones e Johnny Rotten non si parlino da anni. Solo qualche zero in più potrebbe convincerli. Vedremo.

 

Oasis

Ok, Noel e Liam si odiano e non hanno paura di litigare molto pubblicamente (specialmente via Twitter). Nonostante i rapporti tra i due fratelli non siano tra i migliori, una reunion non sembra così impossibile. Sono passati 10 anni dalla lite backstage che aveva portato alla fine degli Oasis, e Liam sembra interessato a “seppellire l’ascia di guerra” e tornare a fare musica con Noel. La società di live promotion irlandese MCD è così interessata a una reunion da essere pronta a sborsare una cifra mai vista prima. Chissà che questo basti a convincerli. In fondo, più le rockstar sono fumantine più piacciono al grande pubblico.

Blink 182

Lo scorso anno, i fan dei Blink 182 erano impazziti dopo che Tom DeLonge aveva pubblicato una foto su Instagram in cui parlava di una chiacchierata fatta con il batterista Travis Barker. Non solo, una serie di tweet aveva convinto gli appassionati che la band stesse per tornare. Purtroppo però i due musicisti avevano prontamente chiarito che le loro erano soltanto prese in giro tra due vecchi amici. Magari tra uno scherzo e l’altro si convinceranno a tornare sul serio. Possiamo solo aspettare (e tenere sotto controllo i loro profili social).