Marcello D’Onofrio
31 Marzo 2015
Fashion Blogger: realtà o finzione?
3 Aprile 2015

Titolo

Stefano Sala, è stato la rivelazione dell’ultima edizione di “Notti sul ghiaccio“, il programma di RaiUno ideato e condotto da Milly Carlucci. Il bellissimo modello nato a Gravedona sul lago di Como si è immediatamente distinto per il sorriso contagioso, la coinvolgente simpatia e la determinazione che l’ha portato a salire sul podio dei vincitori di questa ultima edizione. Ha stregato la giuria, i compagni e soprattutto il grande pubblico che ha potuto conoscere un ragazzo capace di smontare ogni pregiudizio di chi ragiona per stereotipi. Affettuoso neo-papà di Sofia avuta dalla modella Dayane Mello un anno fa e frontman del gruppo rock The Crocs, Stefano è un vero principe-pirata.

Noi siamo stati i primi a credere nel suo multisfaccettato talento e nella sua indiscutibile bellezza, tanto da averlo voluto protagonista del primo servizio Your Style dedicato agli astri nascenti del mondo della moda e dello spettacolo e in innumerevoli altri servizi a seguire. Promessa evidentemente mantenuta la sua e scommessa vinta la nostra. Nell’ultimo, la Cover Story dedicata alla sua compagna Dayane, posava assieme alla piccola Sofia, per supportare l’ondata di popolarità generata dalla partecipazione di lei al programma “Ballando con le stelle“. Oggi, il protagonista assoluto è lui e questo è ciò che mi ha raccontato nel giorno del suo compleanno, appena qualche giorno fa.

La tua vita è una fiaba. Hai iniziato la carriera internazionale di modello dopo essere stato notato da un agente mentre servivi nel ristorante di famiglia sul lago di Como. Sei anche felicemente innamorato e godi da poco la paternità. È davvero tutto così perfetto?

Non tutto è sempre rose e fiori. Tutto quello che sto facendo lo faccio con grande piacere ma nello stesso tempo anche con sacrificio. Sono lontano dalla famiglia, viaggio tanto, dormo poco, quindi non è una favola. Però la cosa più bella è che qualsiasi cosa faccio, mi gratifica. So che i miei sforzi sono veramente valsi la pena.

Come ha cambiato la tua vita la nascita di tua figlia Sofia? Che bambina è? Che padre sei?

La nascita di Sofia mi ha cambiato la vita totalmente e in meglio. E’ stato fondamentale l’aiuto che abbiamo ricevuto e che tuttora riceviamo da parte dei miei genitori che si prendono cura della bambina quando io e la mia fidanzata siamo assenti per lavoro. Sai, ci stiamo comunque godendo il meglio di tutto e la cosa più bella è che adesso non lotti più per te stesso ma lotti per il bene di tua figlia.

Insieme alla tua fidanzata, la modella brasiliana Dayane Mello, siete diventati molto popolari in TV come ballerini nei programmi “Ballando con le stelle” e “Notti sul ghiaccio”. Perché hai deciso di partecipare a questo show?

In primis ho deciso di partecipare a questo show dopo aver visto ballare Dayane a “Ballando con le stelle”. Durante il programma si è trovata benissimo, era un bell’ambiente, pulito, tutti amici, tutto bello, divertissimo e là ho avuto la fortuna di conoscere per la prima volta Milly Carlucci che ha insistito tanto affinchè anch’io provassi questa esperienza e potessi cimentarmi con altre forme d’espressione oltre la moda e la musica. Lei crede che abbia qualcosa in più che essere solo un modello. Finora ha avuto ragione, ci ha azzeccato. Milly è una donna che ha un’esperienza lavorativa grandissima e, diciamo, che ci ha visto bene.

Cosa ti ha dato l’esperienza con i pattini e il ballo? E’ stata dura, immagino, imparare tutto da zero ed arrivare dove sei arrivato alla fine, alla finale.

Quest’avventura mi ha dato un sacco di fiducia in me stesso. Ricordo che sono partito da zero, non sapevo neanche andare sui pattini. E’ stato molto difficile, gli allenamenti erano molto duri ma io ero positivo. Essendo un ragazzo giovane, magro, atletico, sapevo che comunque piano piano, con molto impegno, con molte ore di allenamento, avrei potuto fare cose come la pattinata indietro, gli incrociati, i sollevamenti, ecc tutte figure complicate e che necessitano di una certa dose di coraggio. Se non hai coraggio per rischiare, è finita. Fortunatamente io ne avevo (ride), nonostante mi sia fatto male e sia caduto anche diverse volte.

Come ti giudicheresti come ballerino? Continuerai a ballare anche nella vita privata?

Che domanda difficile! (Ride) Vediamo. Come ballerino mi darei il seguente giudizio: ho il mio personale stile nel ballo, di fare, di muovermi, ho un ottimo senso del ritmo e questo è molto importante. Come pattinatore, diciamo, mi giudico un neofita che ha imparato le basi e sa divertirsi. Il pattinaggio è uno sport molto difficile e richiede anni e anni per concludere qualcosa di veramente valido a livello agonistico.

Il ballo è collegato con la tua vecchia passione, la musica. Hai preso lezioni di canto per anni ed ora sei il frontman del gruppo rock The Crocs. Trovi tempo per conciliare tutti i tuoi doveri e passioni: musica, tv, casa?

Il tempo per conciliare tutto questo è molto poco, ma cerco sempre di trovare un equilibrio e di fare tutto. Credo anche in un futuro come musicista ed è per questo che continuano i progetti con la band. D’altronde la musica è, da sempre, la mia più grande passione. L’ho dichiarato anche nella prima intervista seria della mia vita, che ho rilasciato proprio a StarsSystem e al direttore Alessandro Nava, che è anche uno dei miei più grandi amici, il primo a credere davvero in me e a spronarmi costantemente. Mai e poi mai mollerei la musica perché è una delle cose più belle al mondo.

Il 21 marzo 2015 il programma condotto da Milly Carlucci si è concluso con la vittoria di Giorgio Rocca in coppia con Eve Bentley. Tu insieme a Serena Angeli siete arrivati terzi in classifica finale. Hai qualche rimorso o va bene così?

Di rimorsi non ne ho nessuno perché quello che volevo l’ho ottenuto alla grande. Non speravo di arrivare alla finale, nemmeno al terzo posto. Ovvio, per tutta la durata del programma,  fino alla fine, io sono stato in vantaggio, sono stato primo in classifica della giuria e nella sfida diretta con Giorgio Rocca l’ho battuto quattro a uno, e, diciamo, che non mi aspettavo questo ribaltamento al televoto, ma va bene così. Giorgio Rocca merita tutto il mio appoggio e la vittoria. Va bene così, anzi va super bene. A dire la verità, io non ero nemmeno famoso tra tutti i concorrenti vip. Essermi trovato nella finale e aver avuto un riscontro al televoto per me è già una grandissima soddisfazione.

Quale sarà il tuo next step? Su che cosa ti concentrerai per primo? Quali sono le tue priorità al momento?

In primis, per il momento, continuerò il mio lavoro, suonerò con la mia band, mi godrò la mia famiglia, starò più vicino a loro e poi chi lo sa. Sto cominciando ad interessarmi al cinema e sto avendo delle bellissime proposte. La mia manager si sta muovendo in modo tale che io possa provare ad intraprendere questo tipo di carriera. Sto facendo anche delle lezioni di dizione per far scivolare via un pò la mia cadenza. Beh, prevedo buone cose.

Che cosa c’è di magico nel Lago di Como, il posto delle tuoi origini, che incanta e trattiene tutti i vip, vedi Clooney e altri?

Nel Lago di Como c’è un’assoluta tranquillità e una buona dose di magia. Invito tutte le persone a visitarlo per un semplice motivo: qui ci si può rilassare, vedere posti meravigliosi, anche divertirsi. E’ un posto speciale, fatto di sfumature che devi semplicemente vivere per apprezzare.

Come modello hai viaggiato tantissimo, ma dimmi la verità, non hai mai sognato di vivere all’estero, per esempio a New York? Ti dispiacerebbe lasciare l’Italia?

Si, ho viaggiato tantissimo. Il mio posto preferito, quello che mi è sempre rimasto nel cuore è stato New York. Ho intenzione di tornare in America in futuro. Da qui ad un paio di anni vorrei intraprendere là la carriera, cinematografica, musicale o quello che sarà. Io mi rispecchio molto nel sogno americano e tuttora ci credo. Mi dispiacerebbe lasciare l’Italia che, per il lavoro che facciamo, non è mai una separazione definitiva. Si va e si torna, non si è mai nello stesso posto nel corso della vita. Non lascerò la mia Italia per sempre ma intanto il mio sogno resta l’America.

Intervista: Joanna Longawa
Photos: Giorgia Villa