Millennials, Z e Alpha: nuove generazioni a confronto
3 ottobre 2018
Papa Francesco – Un uomo di parola
4 ottobre 2018

By Lorenzo Sabatini
04 Ottobre 2018

Cuore californiano, Ross Borden nasce a San Francisco. “Adattabilità” è una delle parole chiave della sua storia, la caratteristica imprescindibile di ogni vero viaggiatore. Ha costruito un impero facendo della sua passione un business: è infatti il fondatore e CEO di Matador Network, una delle più grandi travel media companies indipendenti del mondo. Matador Network pubblica centinaia di articoli, saggi fotografici e video ispirazionali legati al viaggio che raggiungono 7 milioni di views sul sito e 100 milioni di visualizzazioni su canali come Facebook e Youtube. Sostenuto da una rete globale di editor, scrittori e fotografi, Ross non ha certo intenzione di fermarsi. “Always on” è il motto della campagna autunno/inverno di Docker’s, e descrive perfettamente lo spirito dell’imprenditore, che è stato scelto come ambasciatore dal brand.

Per un viaggiatore come te, cos’è l’adattabilità?

Tenere il ritmo del jet lag. Conoscere molte delle più grandi città del mondo e le loro diverse culture. In sostanza essere sempre pronti a tutto, anche a dormire nei posti più inusuali.

Qual è il tuo posto preferito in Nord America e perché?

Domanda difficile. Se dovessi scegliere però direi il Lake Tahoe in Sierra del Nord. In inverno è perfetto per chi ama sciare, mentre in estate regala dei panorami mozzafiato.

 

Che cosa rende un viaggio perfetto?

I viaggi perfetti per me comportano l’esplorazione di un luogo attraverso la conoscenza dei local che incontri lungo il percorso. Non cerco mai di vedere troppe città diverse in un unico viaggio e non pianifico mai troppo nel dettaglio l’itinerario: la vera esperienza è viaggiare essendo spontanei, lasciandosi guidare dall’istinto e dalle esperienze. Anche a costo di perdersi un po’.

 

Docker’s ti ha scelto progetto #DockersChallenger. Cosa ti rende tale?

Sono partito con qualche migliaio di dollari in tasca e alcuni grandi sogni. L’idea era vincente in partenza, delle grandi aziende hanno deciso di collaborare con noi e ora Matador è una delle più grandi travel media society al mondo. Lo abbiamo fatto a modo nostro. Sono orgoglioso di ciò che il nostro team ha realizzato. Sento mio il mantra del brand “Always On”: in questo caso la campagna FW18 è incentrata su persone che hanno sogni professionali ambiziosi ma poche risorse economiche a disposizione. Ecco, coloro che poi li hanno realizzati sono i perfetti challengers e sono orgoglioso che Docker’s mi abbia scelto per questo progetto.

Puoi condividere con noi i tuoi prossimi obiettivi per Matador Network?

Voglio essere il più grande marchio di viaggio per i giovani di tutto il mondo. Avremo un canale TV, una rivista di stampa e raggiungeremo 100 milioni di persone al mese con i nostri contenuti, app ed eventi.

 

Quali sono i tuoi pensieri principali durante il giorno?

Come posso rimanere concentrato su ciò che è più importante quel giorno. Nella mia esperienza questa è forse la più grande sfida per essere un imprenditore.

 

Cosa farai dopo questa intervista?

Ah, bella domanda! Sono in vacanza qui negli Stati Uniti e sono a Stinson Beach. Mio figlio e io stiamo per indossare le mute e andare a nuotare nell’Oceano Pacifico.

Related Post