Maura Iris Tomsa: la designer che celebra le top models

Il caso Dyson
24 Gennaio 2017
Eduflix sbarca in Italia
24 Gennaio 2017

By Lorenzo Sabatini
24 Gennaio 2017

Maura Iris Tomsa nasce a Iasi, il secondo agglomerato urbano più importante della Romania dopo la capitale Bucarest, 28 anni fa. Questo territorio è altresì conosciuto come “il museo della Romania” ed è sede di cinque università. Senza dubbio, quindi, rappresenta la città culturalmente più importante del paese. La multiculturalità le appartiene: il suo sangue è un mix di etnie, “ed è per questo che – afferma Maura – (fortunatamente) non ho legami particolari con nessuna terra”.

Una vera e propria cittadina del mondo: grazie ai numerosi viaggi e ad un consolidato bagaglio di esperienze maturate sin da giovanissima nel mondo della moda, attualmente è proprietaria di un concept store nel cuore pulsante della capitale meneghina, Le Village Store, assieme al compagno Roberto Zampiero, che inoltre è un art director e fashion consultant per alcuni marchi di abbigliamento emergenti che si stanno facendo sempre più strada nel competitivo mercato milanese. Dopo gli studi umanistici nella Capitale, Maura decide di trasferirsi a Rimini per studiare Moda: durante la frequentazione della triennale in Culture e Tecniche della Moda conosce Roberto.
Il suo è un percorso in costante evoluzione: ha avuto esperienze come sales assistant in diversi showroom e buyer assistant per una piccola boutique.
Circa un anno fa Maura e Roberto hanno scelto di compiere il grande passo aprendo Le Village Store. Il negozio è un vero e proprio incubatore, un “talents’ Hub” in cui trovare brands di ricerca, e che, nonostante sia stato aperto da poco, già rappresenta un punto fisso di ritrovo per i devoti dello stile a Milano.

In parallelo al negozio Maura, con il prezioso supporto di Roberto, ha dato vita a
11Eleven tshirts, un progetto nato dalla sua passione infinita per le top models. Il brand di magliette rappresenta con autoironia e scanzonata freschezza le new faces del fashion system, menzionandole nelle stampe: da Cara Delevingne alla rampolla del clan Kardashian, Kendall Jenner. Oppure presenta nelle stampe modi di dire molto in voga nell’ambito del models’ scouting come “Amazing!” (Incredibile,ndr), rendendo questi prodotti molto divertenti e soprattutto versatili.

Noi di Stars System abbiamo rivolto alcune domande a Maura Iris Tomsa.

Nel tuo sangue scorrono diverse culture e ti dichiari “apolide”. Questo ha influenzato il tuo progetto di t-shirts 11Eleven? Da cosa è nata l’idea di lanciare un brand? Attualmente dove è distribuito? Puoi darci qualche anticipazione sulla nuova collezione?

Sicuramente avere un background eterogeneo rende il modo di vedere le cose più “colorato”; mi piace spingermi oltre, scrutare con altri occhi, in modi differenti. Questo ha fatto sì che, quasi per gioco, 11Eleven tshirts prendesse forma. Attualmente il brand è in distribuzione in alcuni concept store, tra i quali “BOYS LOFT” e “MAISON STUDIO”. La collezione sta crescendo con me, per quanto riguarda la nuova stagione non ci saranno più solo t-shirts ma ho voluto ampliare 11Eleven con un total look; il resto lo vedrete.

MauraTomsa1

Nella tua vita il legame con il compagno (e, a breve, futuro marito) Roberto rappresenta anche un sodalizio artistico. Come cooperate? Cosa vi ispira attualmente?

Lavorare con la persona con la quale si condivide la vita è sicuramente un azzardo, nel nostro caso ben riuscito. La grande fortuna è avere un “filo invisibile” che lega i nostri pensieri e la cooperazione per lo stesso obiettivo che ci porta a dare il massimo, oltre ad avere dei “ruoli” ben definiti all’interno di ogni progetto: Roberto è la parte più “razionale” mentre io tendo ad essere sempre un po’ più fantasiosa. L’ispirazione è ovunque, la troviamo in strada mentre facciamo una passeggiata oppure guardando un documentario la domenica mattina, tutto può stimolare la mente!

Mi menzioneresti tre brands da tenere d’occhio tra quelli presenti all’interno del tuo store Le Village e perché?

All’interno del nostro store diamo spazio a tutto quello che ci trasmette freschezza; l’innovazione nella moda si sa, non è facile da trovare in quest’epoca, ma io sono fermamente convinta che i new designer/brand abbiano tanto da insegnare, persino ai colossi del fashion system!

Tra i brand presenti all’interno di Le Village store non posso non citarti Le Village Sneakers una sneaker che viene pensata, creata e lavorata interamente in Italia da mani esperte e con materiali di prima qualità. La linea pulita e i prezzi competitivi le stanno aprendo la strada in Scandinavia e in Asia.

Soulland è la grande scommessa di Roberto per il menswear ss17. Un concept (danese) che ho adorato dal primo momento.

Poi uno dei miei preferiti: Circus Hotel , un brand totalmente femminile, che alle spalle ha già 5 anni di successi. Da ogni collezione trapela l’aura hippie della designer (Gaia Zattini), che in me non può che trovare una grande approvazione.

La figura che maggiormente ti affascina tra quelle più celebri del fashion system?

Parlare di una sola figura sarebbe davvero riduttivo. Le persone non ti affascinano mai per una sola ragione. Posso dirti che la mia “musa” è Kate (Moss ovviamente), e lo sarà sempre, eterea e quasi impalpabile, come l’energia che trasmette davanti all’obiettivo; adoro lo stile e l’aura emanata da Caroline de Maigret, e per chiudere, la meravigliosa Iris Apfel, oggi, ultranovantenne è ancora per me, una fonte inesauribile di stimoli.

Se non avessi lavorato come designer e come proprietaria di uno store di abbigliamento cosa avresti fatto?

Bella domanda! Non saprei, probabilmente mi sarei lanciata nel models scouting, girovagando per il mondo alla ricerca di nuove facce da inserire nel fashion system, oppure chissà, sarei tornata al mio amore primordiale: la storia dell’arte!