Ronaldo e non solo: gli sportivi finiti nella bufera
5 ottobre 2018
Titanic: una favola inossidabile
8 ottobre 2018

By Redazione
05 Ottobre 2018

Dalla partecipazione a Miss Mondo a soli 19 anni, al ruolo di Beatrice nella soap Un Posto al Sole passando per la collaborazione con Luciano Ligabue, Marina Crialesi ne ha fatta di strada. L’attrice originaria di Lamezia Terme che ha recentemente ricevuto il Gran Premio Manente “per aver saputo rappresentare la Calabria in vari settori artistici in tutta Italia e nel mondo” e sarà presto protagonista di un film sulla strage di Duisburg. Calabrese di nascita ma napoletana d’adozione, la giovane si è messa a nudo davanti al’obbiettivo dell’amico e fotografo Andrea Salvini per una serie di scatti unici.

Quando ti sei avvicinata al mondo del cinema?

Da adolescente. Amavo guardare i film e organizzare con le amiche delle serate dedicate alla loro visione per poi confrontarci. Successivamente al liceo è arrivato il teatro. Dll’epoca studiavo danza, e grazie ad essa ho imparato a conoscermi e a conoscere gli altri. Da quel giorno la recitazione mi è entrata dentro.

Qual è stata la tua prima esperienza cinematografica?

La prima esperienza, dopo alcune pubblicità in tv, è stato Il Confine di Carlo Carlei. Un’esperienza meravigliosa che mi ha catapultata indietro nel tempo, negli anni della Prima Guerra Mondiale.

 

Quando ti sei vista in Un posto al sole per la prima volta che cosa hai pensato?

Ho pensato: “Oh mio Dio!”. Quando ci si riguarda in tv si vedono solo le cose che non ti piacciono di te, ma con il tempo ci fai l’abitudine e impari a migliorarti.

 

Con quale regista vorresti lavorare?

Il mio sogno in Italia è da sempre Matteo Garrone.

 

Il nome di un’attrice o attore che ammiri professionalmente?

Meryl Streep e Marion Cotillard. Versatili e intense come nessuno.

Quali sono i tuoi prossimi impegni professionali?

Ci vedremo presto su RaiUno con Duinsburg – Linea di sangue regia di Enzo Monteleone.

 

Nel servizio in esclusiva per Starssystem si rinforza il sodalizio con il fotografo Andrea Salvini: com’ è lavorare con lui?


Conosco Andrea da tantissimi anni. È un amico e un ritrattista straordinario, con lui non ci si annoia mai. Anzi, beccare attimi di serietà quando siamo insieme è difficile. Ci prendiamo tanto in giro.

 

Che rapporto hai con i social?

Discreto. So che sono utili e mio malgrado provo a essere presente. Ma non sono una grande fan di piattaforme come Instagram e Facebook.

 

Un sogno nel cassetto?

Il cinema d’autore. Quel cinema che mi porta fuori, oltre le mie conoscenze, per scoprire qualcosa che diversamente non potrei.

Ph: Andrea Salvini

Related Post