Marco Marra

La morte di Joshua smuove la Casa Bianca
20 Aprile 2015
Gisele Bundchen
20 Aprile 2015

Marco Marra

https://test.starssystem.it/celebrity-check/marco-marra

Marco Marra

Avrà pensato: ”ma chi è questo pazzo che mi viene a rompere le scatole mentre sto correndo tranquillo sul tapis roulant”! Non potevo non fermarlo per fargli i miei complimenti e sapere qualcosa di più sul programma che ti fa capire che ha un senso pagare il canone RAI! Lui è Marco Marra, l’uomo della notte che ha appena terminato la seconda stagione di “Stelle Nere” (con ascolti record) su RAI 3, programma di punta della sezione crime.

Come nasce la tua passione per il genere crime ?

Ti sorprenderò, non ho una passione per il genere crime! Invece se la tua domanda è perché conduco una trasmissione così, la risposta è che il delitto è una sorta di reagente delle passioni umane, anche per le persone più tranquille come noi.

Sei creatore e conduttore di “Stelle Nere”, una delle trasmissioni più innovative che si siano mai vista in Italia. Come nasce questo progetto?

Nasce dall’incontro di due percorsi: quello del documentarista e quello più immaginifico e attoriale del teatro che a un certo punto si sono uniti. Un progetto che poteva essere fatto solo in televisione, mezzo di comunicazione incredibilmente potente che può davvero scatenare la fantasia di chi si vuole mettere in gioco e sperimentare qualcosa di nuovo. E’ un peccato, invece, come spesso venga banalizzata nei suoi contenuti.

marra-2

Alla fine della seconda stagione, immaginavi un così ampio consenso del pubblico ?

Il programma nasce come prodotto di nicchia. Il crime, di per sé, lo è già. Vedere poi che spesso è la trasmissione più seguita di quella fascia oraria, certo ti rende felice…soprattutto perché pensi “Avrò ancora un lavoro!” (ride!)

Ce ne sarà una terza?

Si certo, te lo confermo, ci sarà la terza stagione (e inizierà a settembre secondo le mie fonti segrete, poi ce ne sarà anche una quarta! …) e poi forse muoio e l’ultima stella nera sarò io! (questo ragazzo è davvero bravo e il pubblico se n’è accorto).

marra-3

Hai già pensato ad esportare il format ?

Porteremo il format al MipTv di Cannes e vedremo cosa succederà.

Quale storia di quelle che hai raccontato ti ha intrigato maggiormente ?

Forse come succede a tutti i papà e le mamme di questo mondo, c’è sempre una tacita predilezione per i primogeniti, voglio pensarlo anche perché io lo sono! La prima puntata della serie, che era anche la zero è per la pietra miliare di Stelle nere. E’ una storia torbida e allo stesso tempo struggente: il delitto dei conti Camillo e Anna Casati Stampa. Roma, anni ’70, in una delle famiglie più aristocratiche e di alto lignaggio ogni equilibrio viene sovvertito dalla presenza di un giovane ragazzo, che nel tempo si verrà a sapere essere l’amante di lei. Il marito amante del voyeurismo, si eccitava a guardarli e fotografarli anche insieme ad altri uomini. Molto probabilmente lei si innamora del giovanotto e finisce in tragedia.

marra-4

Riesci decisamente a catalizzare l’attenzione dello spettatore a differenza di alcuni tuoi colleghi che hanno un effetto soporifero … sei così anche nella vita?

In questo momento della mia vita sono meno appariscente di quanto non fossi prima, forse perché la TV è uno sfogo sufficiente. E’ inevitabile che ci sia un po’ di narcisismo in quelli che fanno questo mestiere. L’importante è non disperdere le proprie energie ma convogliarle in un progetto costruttivo e gratificante.

C’è un omicidio che non hai ancora raccontato e vorresti raccontare…

Mi piacerebbe, e forse lo farò, raccontare la storia di Abe Sada, la donna giapponese che ha ispirato il film “L’impero dei sensi”. La sua passione così grande per il proprio uomo la spinse a strangolarlo nel momento dell’orgasmo , portandosi via il pezzo forte della collezione! Il caso di Abe Sada è diventato celeberrimo nella storia giudiziaria del suo paese.

marra-5

I messaggi cult di questo programma sono trasversali: se avete osservato, la cravatta la porta al contrario! Parlaci della tua cravatta!

Per me è un capo d’abbigliamento nuovo. Ho avuto un rapporto difficile con la mia costumista dell’anno scorso, infatti l’ho fatta secca. Ha preso il suo posto un’altra professionista del settore che via via ha aggiunto capi, come la bretella e la cravatta. Ho rifiutato la farfalla!

Che rapporto hai con la moda?

Ho lo stesso rapporto che ho con il denaro, più ce n’è più si spende … ma non è vero perché ci sono i mercatini! Non mi ritengo particolarmente modaiolo però mi piace vestire bene.

Cosa guardi in TV?

Il mio programma preferito è quello di Santoro. Mi sembra un giornalismo che ancora faccia il suo mestiere. Gli altri programmi mi sembrano solo delle passerelle televisive per mettersi in mostra.

Un bicchiere di vino o un martini dry?

Martini dry.

James Bond o Thelma e Luise?

Thelma e Louise.

A cosa non rinunci?

All’amore. Per me nella vita è sempre stata la cosa principale, a volte si può mettere in attesa (come le telefonate) ma mai rinunciarci.

marra-6

Intervista: Fabrizio Imas
Photos: Sabina Giorgi & Gabriele De Luca