“L’ora più buia”: Gary Oldman è Winston Churchill
17 Luglio 2017
Alberto Guardiani FW 17-18
19 Luglio 2017

By Fabrizio Imas
18 Luglio 2017

Ci sono due cose che non potete togliere a un canadese: la natura incontaminata e una chitarra. Lo stesso vale per Kris Reichert, conduttrice e voce di Radio Monte Carlo: nata a Toronto ma italiana di adozione, ha cominciato a farsi conoscere prima come modella, poi diventando un’ affermata VJ a MTV assieme all’amica e inseparabile collega Kristen Grove (per i più nostalgici, andate a rivederle assieme nelle vecchie puntate di MTV On the Beach). Parallelamente alla carriera in tv, Kris non poteva certo relegare la musica in una soffitta. Nel corso degli anni con il suo gruppo The Jains  ha pubblicato tre album: “Kill The Ghost”, “Goddess In You” e “Holy Changing  Spirit”. E ora, tra radio e il ruolo di mamma, ci siamo incontrati a Milano per parlare del suo primo album da solista: “Chaos in Texas”.

Quando sei arrivata in Italia?

Avevo 19 anni quando sono arrivata dal Canada in Italia. L’idea di partenza era quella di fare un annetto in Europa viaggiando ed imparando le lingue: infatti sono stata tre mesi a Berlino, in Grecia e poi sarei dovuta ritornare al mio paese per iniziare l’università. Potevo scegliere tra tre dei migliori college a disposizione, peccato che mi sono innamorata e non sono mai tornata.

 

Come ti sei avvicinata al mondo della musica?

Provengo da una famiglia di musicisti! Mio padre è un cantautore folk e mi cantava le sue canzoni per farmi addormentare:, mentre mia madre invece mi metteva direttamente a fare il riposino sotto le casse dello stereo: sono cresciuta a pane e musica (specialmente quella di Bob Dylan). L’avventura ad MTV Italia con l’altra Kris cominciò proprio perché sentivo il bisogno di avvicinarmi a questo ambiente. Una sera eravamo a cena, e quando le proposi la cosa impazzì, letteralmente. Ai casting si presentarono due bionde, bilingue ed in più migliori amiche, come potevano dirci di no?!

 

E cosa avete fatto esattamente per raggiungere l’obiettivo?

Tramite alcuni amici il nostro showreel è arrivato agli uffici di MTV. Era un provino rigorosamente girato su cassetta in VHS (oramai sembra vintage a dirlo cosi) e di lì abbiamo iniziato a fare casting e a lavorare per l’emittente. Dopo qualche anno il lavoro però stava prendendo una piega troppo “televisiva”, e così ho deciso cambiare. Tredici anni a Radio 105 con l’altra Kris, e nel mentre facevamo tutti i red carpet possibili per MTV intervistando tutte le star del music entertainment, da Britney Spears a Puff Daddy.

 

Quando hai iniziato a comporre “Chaos in Texas”?

Quando ero incinta di mio figlio Dylan. Sentivo in me un’esplosione di creatività: avvertivo che insieme alla nascita del mio bambino stavano arrivano anche un sacco di brani nuovi. Dico sempre che Dylan mi ha cambiato la vita, non solo mio figlio ma anche il grande Bob. Questo è un regalo di mio padre che porterò sempre con me.

Parallelamente sei una speaker di Radio Monte Carlo, che combini di bello lì?

Il lavoro che sto facendo è molto diverso da quello che facevo prima con l’altra Kris a 105 in quanto non ho esattamente un mio programma. Però programmo e mi occupo in prima persona tutte le interviste sia a personaggi stranieri che a quelli Italiani. In più una volta la settimana scelgo una canzone tra quelle richieste dai nostri ascoltatori e la eseguo live con la chitarra. E poi ovviamente il video viene pubblicata su tutti i social di Radio Monte Carlo.

 

Ti senti più rock o più chic?

Al momento nessuno dei due: per via del mio carattere sono stata rock per tantissimi anni (per differenziarmi dall’altra Kris dicevo sempre “io sono quella rock”) ma ora dopo la gravidanza mi sono decisamente data una calmata. Scherzi a parte, artisticamente parlando è emerso il lato più country e folk, che in me esisteva già. Aveva solamente bisogno dell’occasione giusta per venire a galla.

 

Che mi dici degli anni 90’?

La prima cosa che mi viene in mente è il grunge, con Kurt Cobain ed i Nirvana a farmi compagnia durante i miei viaggi. E poi Bologna, dove vivevo e facevo la modella: era tutto molto glam e bellissimo.

 

Cosa non deve mai mancare nella tua valigia?

Domanda fin troppo facile: la chitarra, senza dubbio!