Mariani e le parole taciute: l’ultima indagine del commissario
22 Gennaio 2019
Chris Brown arrestato a Parigi: l’accusa è stupro
23 Gennaio 2019

By Lorenzo Sabatini
22 Gennaio 2019

Elisa Soldini e Lucia Padrini sono la coppia creativa artefice del successo di Kimonorain. L’outerwear del brand è sempre connotato da caratteristiche performanti di alto livello, unite a un design che strizza l’occhio agli stilisti del Sol Levante e che conquista per l’approccio minimalista. L’attitude cosmopolita è la cifra stilistica delle designer toscane.

Quando avete capito che avreste voluto diventare creatrici di moda?

Dall’infanzia. C’era già una passione che si manifestava con i primi disegni. Ci siamo divertite sin da piccole a giocare con i vestiti, a volte anche azzardando look discutibili. Quindi perché non trasformare un gioco in un bel lavoro?

 

Parliamo della collezione primavera-estate 2019 del vostro marchio Kimonorain. Come si è evoluto il vostro stile dalla ultima collezione e quali nuovi prodotti presentate?

Ogni stagione proponiamo delle novità, sia nei modelli che nelle lavorazioni, ovviamente rimanendo fedeli alla filosofia del brand. Per la primavera-estate abbiamo affiancato ai nostri modelli continuativi, kimono basic, kimono bomber e short, il kimono cover-up, una sorta di vestaglia con cintura, leggera, reversibile, comoda e versatile come tutti i capi Kimonorain. I colori sono brillanti, blu cobalto, fragola, pistacchio, giallo fluo. E la stampa shadow talvolta rifinita da nastri fluorescenti e passamanerie, a sottolineare il mood techno-ctno. Stagione dopo stagione le proposte aumentano, i capi si impreziosiscono mantenendo sempre la loro funzionalità e non tralasciando mai il loro stile inconfondibile.

 

Cosa vi aspettate dall’anno appena iniziato?

Preferiamo non avere grandi aspettative, ma crediamo di avere le carte in regola per fare un ottimo lavoro. Abbiamo sicuramente degli obbiettivi ben precisi per il nuovo anno e contiamo di raggiungerli.

 

Il CEO di Balenciaga ha recentemente dichiarato quanto sia importante per un marchio di moda portare avanti il concetto di attivismo. Quali cause (sociali, politiche, ambientali) della società contemporanea vi stanno a cuore?

I brand e i creatori di moda sono in qualche modo testimoni, a volte precursori del loro tempo. È quindi quasi imprescindibile che in questo periodo storico soprattutto le grandi case di moda affianchino le più disparate cause per essere in linea con i cambiamenti del nostro tempo. Spesso dietro a queste scelte ci sono dei fini di marketing o comunque commerciali; i brand emergenti hanno come prima forma di attivismo nei confronti del mondo della moda quella di tenere testa ai big brand, per non portare la società a essere in mano solamente ai soliti noti. Vi assicuriamo che oggi creare un prodotto che sia talmente interessante all’acquirente finale da fargli scegliere di acquistarlo al posto di uno noto sponsorizzato con strategie di marketing milionarie è una battaglia veramente temeraria; ma è un qualcosa che va fatto, che noi da tanti anni portiamo avanti, per non lasciare che la società si omologhi troppo e per mantenere un minimo di diversificazione.

Vi chiedo di definire il vostro marchio per farci capire il suo animo con una citazione di una canzone.

Run Boy Run di  Woodkid recita: “Run Boy Run, They’re trying to catch you, Run boy run,  running is a victory, Beauty lays behind the hills, The sun will be guiding you, Break out from society Tomorrow is another day And you won’t have to hide away You’ll be a man, boy But for now it’s time to run it’s time to run”.

 

State progettando di ampliare la vostra linea di prodotti? In sintesi, quali sono i vostri prossimi obiettivi aziendali?

Vorremmo ampliare il nostro raggio di azione, portando la filosofia del nostro stile e la sua praticità anche nel bambino e potenziarla nell’uomo. I capi Kimonorain sono per tutti, senza distinzione di sesso ed età e stiamo lavorando per trasmettere al meglio questa visione.

 

Secondo il vostro assai originale e speciale concetto di eleganza, quali sono i do e don’t in fatto di stile per il 2019?

Per noi l’eleganza è sempre una questione di sentirsi bene con quello che si indossa, per questo con Kimonorain abbiamo proposto dei capi easy ma con carattere, che sottolineino le personalità di chi li indossa. Assolutamente out tutto quello che ci si mette addosso solo per seguire una tendenza, ma con cui non ci si sente a proprio agio.

 

Quali sono i vostri pensieri principali durante la giornata?

La nostra giornata è sempre molto intensa, si divide tra organizzazione familiare e lavorativa. I nostri fornitori sono generalmente sempre nella top five dei nostri pensieri; coordinarli è un lavoro davvero impegnativo ma necessario per riuscire a rispettare i giusti tempi. Oggi creare un brand dal nulla implica un duro lavoro e i nostri pensieri  sono spesso rivolti a come procedere al meglio per portarlo avanti. Quello di cui siamo fiere è di essere consapevoli di dare alla nostra filosofia una forte impronta creativa e di stile, come il nostro estro e la nostra formazione impongono ma anche con la praticità tipica dell’imprenditore, che abbiamo acquisito negli anni di gavetta. In tutto ciò, non ti nascondiamo che spesso, durante la giornata, per alleggerirsi un po’ pensiamo a quale potrebbe essere il prossimo viaggio… Non sono pochi i momenti in cui ci troviamo a parlare di dove vorremmo essere in quel momento; è un’evasione che ti aiuta a tenere sotto controllo la tensione e lo stress e permette alla testa di andare.

Cosa farete dopo la nostra intervista?

Ci aspettano per un fitting! I “nuovi bambini “ stanno nascendo e non vediamo l ora di vederli, modificarli, renderli perfetti per poi proporli ai nostri clienti.

 

L’essere donna è certamente una marcia in più. Pensate che questa vostra caratteristica influenzi in un certo senso il vostro design? Se sì, come?

Assolutamente! Essere donne ha sempre influenzato molto il nostro approccio verso lo stile. Non perché la nostra visione estetica sia marcatamente femminile, ma c’è un approccio di sensibilità ed equilibrio nelle forme che creiamo, che sentiamo essere molto femminile, molto nostro. La femminilità che tiriamo fuori nei nostri capi è quella delicata che viene da dentro, che si lega sempre al buon gusto, anche all’interno di un brand informale come il nostro. In questo momento in cui a volte sembra che la tendenza sia buttarsi addosso qualsiasi cosa, la nostra visione ci impone sempre di non dimenticare che sotto ai capi c’è una donna, che in genere vuole essere comoda, bella, stilosa, e valorizzata.

Related Post