Romagna: “spring break” su due ruote
24 Maggio 2018
Bruno Fornasari – Martiri
24 Maggio 2018

By Lorenzo Sabatini
24 Maggio 2018

Fabio Inka è un imprenditore e trainer, creatore di Impacto Training, un programma di allenamento rapido, efficace e divertente che si pratica nel verde o in luoghi iconici delle città. Impacto Training è sia un format televisivo che un canale Youtube, oltre ad essere un libro. Fabio è stato notato dal brand Dockers®, che lo ha selezionato in Italia per il progetto #GameChangersbyDockers. Con il progetto GameChanger, Dockers® si associa a questi giovani e talentuosi imprenditori che condividono i valori fondamentali del brand, seguono il proprio istinto e si sentono sempre a proprio agio.

Puoi gentilmente descrivere ai nostri lettori il tuo innovativo format Impacto Training?

Impacto Training è un programma di allenamento ad alta intensità che accelera il metabolismo e consente di consumare grassi e calorie non solo durante l’allenamento, ma anche nelle 48 ore successive. Migliora forza ed efficienza muscolare senza “gonfiare” i muscoli e inoltre aumenta coordinazione, equilibrio e flessibilità. In più è rapido ed efficace: lo puoi fare dove vuoi, quando vuoi. Non hai bisogno di alcun attrezzo, né di molto spazio: bastano pochi metri quadrati. Ogni singolo allenamento dura dai 6 ai  60 minuti ed è completamente a corpo libero. Insomma è una guida per il benessere del tuo corpo e della tua mente

Dockers ti ha scelto in Italia per il progetto #GameChangersbyDockers. Perché ti reputi un GameChanger?

Game changer è una parola che adoro, significa molto per me.  È bello che Dockers abbia scelto me per questo progetto. Quello che  faccio è l’esempio di come la semplicità possa portare a enormi risultati. Quando ho iniziato a fare lezioni all’aria aperta a Roma, nessuno in Italia le faceva se non sporadicamente. Ho letto una volta che è un genio è colui che centra un bersaglio che altri non vedono neppure. Non mi reputo ovviamente un genio, ma il messaggio è che noi cerchiamo sempre una miniera di diamanti in posti lontani, ma magari scavando bene, scopriamo che si trovava proprio nel nostro giardino, sotto il nostro naso.

 

Hai lavorato in Messico nella palestra della leggenda del pop Madonna. Come è stata questa esperienza?

Nel 2011 come ogni anno nel periodo estivo, decisi di andare all’estero per dedicare del tempo per approfondire la mia formazione ed esplorare nuove opportunità; nei due anni precedenti avevo studiato e lavorato come trainer a Miami (mi ero appassionato alla pratica dell’allenamento calistenico) ma quell’anno decisi per Il Messico. A città del Messico dopo aver superato una selezione con 3 colloqui e una prova sul campo mi venne comunicata la mia assunzione.  Dissi al manager “scusami forse non è chiaro, ma io non vivo qui”, a cui lui rispose : “Quanti giorni hai bisogno per tornare in Italia a  prendere le tue cose?” Dopo 10 giorni mi  ero trasferito. La mia formazione e la mia già consolidata esperienza nel Functional Training mi valsero il primo posto nel ranking dei club  nazionali e la mia conseguente  promozione come Fitness Manager dopo solo 6 settimane dal mio arrivo, diventando cosi il primo trainer non Americano a ricoprire quel ruolo.

La tua esperienza nell’Aeronautica Militare come ha forgiato il tuo spirito e quale insegnamento ti ha lasciato?

Sono molto fiero di aver indossato quella maglia, la stessa che ha indossato Pietro Mennea, tanto per citarne uno. Grazie a quell’esperienza ho avuto l’opportunità di allenarmi e vivere insieme ad atleti provenienti da tutta Italia, non solo di atletica, ma anche olimpionici di varie discipline come basket e scherma. Vivere e allenarsi  insieme a ragazzi più forti di te significa capire non solo cosa fanno, ma anche come lo fanno, e perché riescono a ottenere più risultati di altri. Gli aspetti mentali della prestazione mi hanno sempre affascinato, fin da quando ero appena ventenne.

 

Un “healthy man” come te cede a qualche tentazione? Se sì, quale?

Dipende dai periodi, comunque cerco di non essere troppo rigido con me stesso. eMi piace concedermi una pizza o dei dolci di tanto in tanto, quello che proprio non mi piace è l’alcool.

 

Un tuo prossimo grande obiettivo?

Divulgare Impacto in tutta Italia e non solo.

Qual è il tuo rapporto con la disciplina?

Mi è venuta in mente una frase di Les Brown che cita a sua volta Socrate: “Una vita senza disciplina è una vita senza senso”.  Dubito che si possano ottenere risultati con una vita indisciplinata.

 

Una citazione che descrive il tuo carattere esiste? Se sì, quale?

A me piacciono molto le citazioni, ho riempito la mia casa di post it con frasi che mi colpiscono tratte dai libri che leggo o i video che vedo.  Se dovessi sceglierne una direi questa, che ho letto in uno dei libri di Napoleon Hill:  “Help others achieve their dreams and you will achieve yours” .  (Aiuta gli altri a raggiungere i propri sogni e tu raggiungerai i tuoi, ndr)