Who is On Next? 2020 – I vincitori visti da vicino

Max Nardari: “Cinema e musica, senza rinunce”
14 Settembre 2020
48 ore da sogno in Val Pusteria: il racconto
30 Settembre 2020

Matteo Squillace
17 Settembre 2020

Si è appena conclusa la sedicesima edizione di Who Is On Next? 2020, il progetto lanciato da Roma e Vogue Italia che premia il talento dei giovani creativi del made in Italy. Nemmeno la pioggia è riuscita a fermare l’evento la cui conduzione è stata affidata all’ironia e alla bravura di Costantino Della Gherardesca, che ha coinvolto non solo il pubblico di addetti ai lavori in presenza, ma anche e soprattutto gli spettatori che hanno potuto seguire la cerimonia online, collegandosi da tutto il mondo alla piattaforma digitale di Altaroma, che ha trasmesso l’evento in diretta. La giuria era chiamata a dare un verdetto per tre categorie differenti: prêt-à-porter donna, prêt-à-porter uomo e accessori. Andiamo a conoscere da vicino i vincitori di ciascuna categoria.

FRANCESCO MURANO

Trionfatore nella categoria prêt-à-porter donna, a soli 22 anni il nome di Francesco Murano viene già affiancato a quello di un’icona indiscussa: Beyoncé. Queen Bey ha indossato delle scarpe create dallo stilista (le
Pedestal Shoes) per il video di Spirit, che fa parte della colonna sonora del live-action Disney Il Re Leone, e ha scelto un abito Murano per il suo guardaroba privato che ha poi sfoggiato al party che precede la consegna dei Grammy Awards 2020 organizzato a Los Angeles dal marito Jay-Z. Si tratta di un capo della collezione Ossimoro Plastico, con cui lo scorso luglio ha vinto il Premio Milano Moda Graduate 2019, che racchiude l’essenza delle sue creazioni: grandi volumi, silhouette pulite prese dal guardaroba maschile e trasformate seguendo le linee del corpo femminile.

DIMA LEU

Nato in Moldavia ma cresciuto e formatosi in Italia, Dima Leu fa del tailoring unito a elementi sportswear la sua filosofia. Una commistione di generi che ha convinto la giuria di Altaroma e gli ha consegnato la vittoria finale nella categoria prêt-à-porter uomo. L’idea nasce dal comune denominatore tra un tipico abito da uomo e i due pezzi di una tuta sportiva. Dal mondo sportswear arrivano forme, lucidità, colori forti, cerniere ed elementi elastici, mentre sartorialità e tessuti dead stock presi dall’industria tessile italiana elevano l’anima classica delle sue creazioni.

ZEROUNDICI EYEWEAR

Il designer che invece si è aggiudicato il premio Franca Sozzani per la categoria accessori, guadagnandosi il diritto di esporre le sue creazioni nell’ambito di Fashion Hub Market di Milano Moda Donna Settembre 2021 è Zeroundici Eyewear. La parte creativa del brand è curata da due fratelli, Simone e Daniele Testore, che hanno trasformato una passione comune in un’idea imprenditoriale vincente, cercando di unire le proprie competenze in un prodotto innovativo e di design. Forme insolite e attenzione ai materiali, sono gli elementi distintivi degli occhiali Zeroundici, progettati per enfatizzare la tua personalità e sottolineare lo stile. Tradizione italiana, essenza internazionale. Un progetto esclusivo con ispirazione urbana e post-industriale.

Per quanto riguarda il premio Pitti Tutoring & Consulting Prize, la giuria ha assegnato il riconoscimento alla collezione di prêt-à-porter donna di Francesco Murano, e alla collezione di prêt-à-porter uomo di Vaderetro. I due designer potranno beneficiare di un programma di mentorship dedicato della durata di sei mesi. Altaroma, Vogue Italia e Camera Nazionale della Moda Italiana riconosceranno ai vincitori delle categorie prêt-à-porter donna, uomo e accessori, un premio in denaro e due incontri di orientamento e sostegno con esperti delle rispettive organizzazioni.

Ph: Altaroma