Riverdale: la ricetta per il teen drama perfetto
4 Luglio 2018
Estate 2018: i film più attesi
4 Luglio 2018

By Fabrizio Imas
04 Luglio 2018

Renato Balestra celebra la sua carriera a Roma, città che lo ha visto crescere come stilista e imporsi sul panorama internazionale. Durante l’ultima edizione di Altaroma gli studi di Cinecittà sono stati cornice perfetta di un evento unico. Una sera d’estate tra le rovine di una città che non c’è più, ma che ha fatto da sceonografia per grandi colossal come Cleopatra, Ben Hur e La Passione di Mel Gibson, per rendere omaggio al lavoro di Balestra, che ha sempre alimentato la fama ed il prestigio della haute couture italiana. Quaranta modelli che hanno fatto la storia della maison si sono susseguiti sotto una pioggia battente che ha reso l’evento ancora più incantevole. Proprio come in un film. E mai come questa volta è il caso di dire “sfilata bagnata, sfilata fortunata”.

Il colore che ha fatto da padrone è stato l’intramontabile blu Balestra, che ha reso lo stilista classe 1924 famoso e riconoscibile in tutto il mondo, insieme al capo finale, un abito da gran sera dedicato a Roma, città alla quale va tutta la gratitudine del couturier e che lo ha seguito in tutta la sua carriera di stilista, nonostante i richiami e le tentazioni di “sirene” straniere. Attualmente la soprintendenza archivistica e bibliografica del Lazio e il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo stanno avviando l’iter conoscitivo dell’archivio di Renato Balestra al fine di dichiararlo bene di “interesse storico particolarmente rilevante”. L’ennesimo riconoscimento per lo stilista 94enne, che continua a lavorare nella sua villa atelier in Via Cola di Rienzo. Non ci resta che dire: buon proseguimento, Maestro!