Pitti Uomo 94: leggerezza, gioco e colori
15 Giugno 2018
Tormentoni Mondiali: gli inni intramontabili
18 Giugno 2018

By Barbara Cialdi
18 Giugno 2018

La Persia – o meglio l’attuale Iran – non ha mai destato così tanto interesse come durante queste settimane della moda, prima a Firenze e ora a Milano. Ed è stato proprio, durante la manifestazione Pitti Immagine Uomo 94, che questo brand nato da pochissimo tempo ha catalizzato l’attenzione di pubblico, giornalisti e addetti ai lavori sulla propria collezione maschile, che ha debuttato in anteprima nel capoluogo toscano, nella suggestiva terrazza del B-Roof, con vista mozzafiato sui tetti fiorentini, al quinto piano del Grand Hotel Baglioni, nel centro storico della città.

Persian Idea, creato nel 2018, da un gruppo di nove designer tutti Made In Iran, abbraccia un innovativo concetto nella cultura contemporanea globale con una visuale a 360 gradi sul mondo, sostenendo le diversità culturali e prendendo ispirazione proprio dal consumatore finale per carpirne desideri e bisogni, tutto ciò stravolgendo i punti fermi della moda dove, solitamente, sono gli stilisti a creare nuove idee e offrire nuovi spunti. Qui è invece il contrario: l’attenzione maniacale nei confronti del cliente come fonte di approvvigionamento stilistico è alla base del successo di questa nuova collezione. Gli stilisti che hanno realizzato questa capsule collection (cinque donne e quattro uomini) hanno basato tutto sui toni classici dell’universo maschile: nero, bianco e grigio con qualche pennellata di colore casuale, impressa sui dettagli di giacche, giubbotti e camicie.

I pantaloni – quasi tutti rigorosamente neri – mettono in risalto la mascolinità di questo uomo ricordando le atmosfere fiabesche del romanzo Le mille e una notte, tra principi con occhi truccati di kajal nero e geni della lampada dagli sguardi ammaliatori con l’obiettivo di essere sensuali e lascivi. Il risultato sono 40 outift ideali per ogni momento, da indossare ogni giorno, in ufficio come nel tempo libero, dove la semplicità sta alla base del concept, e dove l’uomo persiano non è mai stato così attraente e fascinoso.