Lo spazio che ci unisce – Recensione
19 Giugno 2017
Pedrogao Grande: inferno senza fine
19 Giugno 2017

By Chiara Angelinetta
19 Giugno 2017

Virgil Abloh, personalità poliedrica e direttore artistico del marchio OFF-WHITE ha debuttato al Pitti Uomo con la collezione primavera/estate 2018, il 15 giugno scorso. I circa seicento selezionatissimi invitati hanno ricevuto come invito una t-shirt arancione con stampati i dati dell’evento e un estratto della poesia “Untitled 4” di Omid Shams. Il tutto in tipico stile OFF-WHITE. La sfilata, intitolata TEMPERATURE, si ispira al capolavoro di Ray Bradbury, Fahrenheit 451. Il designer di Chicago questa volta fa sì che il focus si sposti su ben altri orizzonti: l’ispirazione viene non dalla strada ma dall’intero panorama mondiale, dall’emergenza siriana alla situazione degli oceani, per un fashion system più consapevole di ciò che lo circonda.

Sullo sfondo della pittoresca cornice fiorentina di Palazzo Pitti, compaiono proiettate le poesie degli artisti Omid Shams Gakieh e Anna Swir sulla piaga dell’immigrazione. In questa collezione, Abloh mette in scena pantaloni baggy abbinati a trench oversize, shirt basiche, coordinati in pvc trasparente e impermeabili. Inedita anche la linea di occhiali, e poi ancora compaiono borse in stile Frakta di Ikea (ormai un tormentone spopolato sui social e sul web), dei boot in collaborazione con Timberland e le sneakers Off Court 1s e 2s in due colori: bianco e nero, blu e bianco.

Ph: Vanni Bassetti