Smetto Quando Voglio 3: Sibilia fa centro
30 Novembre 2017
Marta Lanzillotta – Turn Up
1 Dicembre 2017

By Lorenzo Sabatini
1 Dicembre 2017

Il brand di borse e valigeria fiorentino Michele Chiocciolini per la prossima collezione primavera/estate 2018 farà propri i valori della sostenibilità e del rispetto dell’ambiente. Il marchio ha infatti firmato nel maggio 2017 un contratto di licenza con Glem, società distributrice del materiale ecologico Clarino Crust. Si tratta di una formula a base di acqua e fibre di poliestere dalla mano morbida: i modelli della nuova collezione SS18 presentata durante la fashion week dello scorso settembre a Milano sono realizzati con questo materiale. Il Clarino Crust si lavora con le stesse tecniche utilizzate per i pellami tradizionali, tra cui la concia e la riviera: è la summa di un’innovazione tecnologica giapponese che ricicla e compatta le fibre ad umido, garantendo l’eliminazione completa di qualsiasi tipo di solvente e sostanza chimica. Affidandosi alle maestranze locali, e in concomitanza con la partnership di licenza siglata con Glem, Michele ha scelto questa superficie stratigrafica come unico materiale per realizzare le sue borse.

Il laboratorio storico con cui Michele collabora da sempre gli ha permesso anche stavolta di realizzare prodotti tanto sofisticati quanto responsabili, nell’ottica esclusiva di un’artigianalità sostenibile. La visione moda profondamente legata alla cultura pop, ai graffiti e alle atmosfere anni ’80 della New York di Keith Haring, Basquiat e Madonna è presente anche nella nuova collezione. Le borse realizzate a mano nel capoluogo toscano rivelano un originale equilibrio tra silhouette non convenzionali e linee semplificate, spaziando dalla dog bag e dall’heart backpack – modelli iconici e continuativi del marchio – alle tracolle e clutch dalle forme versatili e compatte. La ricerca grafica gioca con figure di cuori, cani e palme ritagliate e cucite sartorialmente sulle borse come elementi estratti dal coloratissimo collage personale di Chiocciolini. La palette, altrettanto poliedrica e identificante, è scandita dall’alternanza di tonalità classiche, monocromie vivaci e contrasti di luce ad alta definizione, realizzati attraverso trattamenti metallizzati, ricami con intessiture lamé e patchwork di paillettes multicolor.