E’ addio tra Maddalena Corvaglia e Stef Burns
19 Gennaio 2017
Tre buoni propositi
20 Gennaio 2017

Per Frankie Morello il 2016 diventa il momento della rinascita, di un’evoluzione tra philosophy e new identity. E’ una mutazione, che avviene attraverso contaminazioni ispirazionali, di genere e di stile. La collezione FW 2017-18 presentata a Milano guarda al passato ed immagina il futuro. Vive un presente senza tempo.  Si pone interrogativi. Da qui sono diversi e numerosi i percorsi esplorativi sull’abito maschile e femminile per indagare sul significato di evoluzione sociale, culturale ed estetica.

Il brand punta su una forte ricerca di materiali, forme, texture per portare il progetto nel futuro e creare un mondo fatto di rimandi iconici. La collezione presenta diversi riferimenti, partendo dalla cultura dell’Antico Egitto alle pratiche spaziali dei nostri giorni, dai segnali di reborn di una nuova grafica identificativa: lo scarabeo, che incarna la creatività e la rigenerazione cui tende il nuovo progetto aziendale, a quelli di galassie ravvicinate, dalla scrittura per geroglifici agli emoticons tanto usati dai millennials.

Giacche, pantaloni, abiti, felpe, giubbotti replicano e mescolano le forme della modernità che si riferiscono al formale, allo sportswear e all’urban style, per poi trasportarli nel passato. I materiali sono innovativi, hi-tech, di qualità.  La collezione, sia donna che uomo, abbraccia mondi che sembrano lontani come lo spaziale e il country. La scala cromatica è varia: le prime uscite di sfilata presentano colori caldi come mattone e bordeaux, si passa poi al rosso e rosa shocking per gli abiti da donna ed a tonalità come argento, blu e nero che ci rimandano all’idea di spazio, galassia. Quella di Frankie Morello è una moda composta da abiti portabili ma che abbiano in sè il senso della riconoscibilità che diventa identità.