Aura Mugler: la donna che osa
9 Febbraio 2018
Milva: esegesi di un’artista immensa
9 Febbraio 2018

By Fabrizio Imas
09 Febbraio 2018

Nella splendida cornice dell’Hotel Eden durante Altaroma, Anton Giulio Grande sceglie di celebrare i suoi vent’anni di carriera con una collezione che ci riporta alle atmosfere lussureggianti degli anni 20’ con pizzi, piume e paillettes. Un invito accattivante per lo stuolo di celebrities che hanno voluto rendergli omaggio in questa giornata particolare.

“Volevo principalmente una festa per i miei vent’anni di carriera, che ricordasse le atmosfere dannunziane” ci racconta lo stilista. “Infatti per emulare tutto questo ho voluto la musica dal vivo con violini e pianoforti su tutti e due i piani dell’Hotel per rendere omaggio nel modo più consono a tutte le donne invitate”.

Le splendide attrici presenti ci hanno invece parlato del loro rapporto con la moda. Un legame unico e differente per ogni persona. Per Barbara Bouchet, icona sexy degli anni 70’ e ora musa di Quentin Tarantino è qualcosa che “vedo, osservo, guardo e cerco di capire se è adatta per me. Ad esempio quando ho un evento non ho mai dubbi e scelgo Anton Giulio”.

Manuela Arcuri, regina incontrastata delle fiction Mediaset e bellezza verace, ci dice: “avendo iniziato a sfilare sulle passerelle quando avevo quindici anni, la seguo con passione da sempre e posso dire ancora oggi che è stato il mio primo grande amore. Con Anton Giulio ci conosciamo e siamo amici da veramente tantissimi anni, è stato uno dei primi stilisti con cui sono venuta in contatto e mi rimasero impressi questi abiti pazzeschi con l’allure da star. Le sue creazioni sono sempre molto sexy e mettono in risalto la femminilità delle donne che le indossano”.

Alessia Fabiani, dapprima con Passaparola e ora in teatro e cinema non si è mai fermata, rimanendo semplice, vera e sensuale. La moda è sempre stata una costante nella sua vita.  “Mi sono affacciata a questo meraviglioso mondo andando a vedere sfilate con mia mamma o mia nonna, ho avuto a fianco a me una famiglia molto vicina alla cultura, e quindi all’arte allo spettacolo e al teatro” ci spiega. “La mia prima esperienza fu a diciassette anni sulla scalinata di Piazza di Spagna a Roma durante Donna sotto le stelle con un abito di Lorella De Luca e poi a seguire per Renato Balestra, Egon Von Furstenberg e tra questi designer c’è anche Anton Giulio Grande che poi mi ha vestito per tantissimi servizi fotografici. I suoi abiti sono opere d’arte impreziositi da piume e perline. Insomma tutto ciò che una donna desidera”.

Anna Falchi, stupenda e solenne, dice di avere un rapporto abbastanza distaccato con la moda, “forse perché ci sono nata praticamente in mezzo, l’ho respirata ed è stato il mio lavoro per tanti anni ora sinceramente ho perso l’entusiasmo. Questo non vuol dire che non la guardo o non l’ammiro, ma con la debita distanza. Non mi sento più di azzardare, vado sullo stile semplice che è quello che mi appartiene. E poi diciamoci la verità, qui in Italia di eventi dove ti viene la voglia di fare una follia ce ne sono sempre di meno, il glamour sta per scomparire”.

Per Simona Borioni, amatissima attrice di cinema, fiction e teatro ed ex fidanzata storica di Rosita Celentano, il rapporto con la moda è conflittuale. “Sono coerente, però mi piace. La seguo ma non ne sono vittima, ci sono i giorni in cui sono super curata ed altri in cui mi potete confondere con una senzatetto. Mi diverte anche molto tutto quello che gira intorno a questo ambiente, ovvero il cosiddetto circo, oppure vedere come uno stilista ha costruito un abito. Ho un animo retrò quindi mi rispecchio tantissimo in questa collezione”.

Nadia Bengala, ex Miss Italia e testimonial per molteplici aziende afferma che: “la moda mi piace e amo gli abiti belli, questo non vuol dire che la seguo ossessivamente, anche perché a volte propone cose che non mi appartengono come i tacchi grandi o le punte squadrate delle scarpe. Onestamente mi vengono i brividi solo a pensarci. Quello che vediamo oggi di Anton è una gioia per gli occhi”.

Milena Miconi, primadonna storica del Bagaglino al Salone Margherita di Roma, che negli anni novanta era considerata la Pamela Anderson nazionale, ci racconta di essere poco esperta di moda. “Seguo ciò che mi piace, diciamo che però mi sento sempre fuori moda. Cerco di osare quando ho una serata speciale, o almeno ci provo”.