AltaRoma – Erkan Coruh “La via della seta”
10 Luglio 2017
Klimt Experience finalmente anche a Milano
11 Luglio 2017

By Lorenzo Sabatini
10 Luglio 2017

Il secondo giorno degli eventi di alta moda capitolina ha visto la presenza di uno show di forte impatto, che riflette su uno dei maggiori problemi della società contemporanea: l’allarme ambientale. Al Guido Reni District, ex area militare e da qualche anno “cantiere” dei talenti emergenti della moda mondiale, ha sfilato la designer coreana Soojung Cha e il suo brand Soocha. La collezione SS18 di Soocha, chiamata Caution Soocha Area!, è un forte statement di denuncia in sostegno della tutela ambientale. E’ necessario, come suggerisce il titolo della collezione, non abusare del nostro pianeta, ma amarlo e tutelarlo. Da questa profonda analisi della designer, che ha un solido background nel mondo dei tessuti e ha lavorato con marchi come Ruffo, C’N’C Costume National, Dirk Bikkembergs, nasce un messaggio di speranza, che è composto da abiti dai volumi in cui forte si percepisce la sua origine asiatica, per la loro leggiadria ed essenzialità.

Le stampe sono molto spiritose e comunicano con leggerezza un forte messaggio: presenti il simbolo del “pericolo radiazioni”, la scritta “Caution”, il leggendario mostro Godzilla e molti fiori. Come la sacerdotessa del punk Vivienne Westwood, che da tempo si è fatta paladina delle cause ambientaliste, anche la giovane e promettente coreana scuote le coscienze e ci invita, con quel garbo tipico degli orientali, nella sua “area eco-friendly di stile”.

Ph: Alejandro Otero Martin