Berlinale 2016
12 Febbraio 2016
Teatro dei Gordi – Sulla morte, senza esagerare
15 Febbraio 2016

L’uomo libero per eccellenza è il cowboy visto come una specie
di “guardiano del libero arbitrio” dotato di coraggio e spirito d’iniziativa.

lost_1

In viaggio nella contemporaneità, vede coi suoi occhi la modernità non

come traguardo o raggiungimento ma come privazione personale fisica e

psicologica.
Dove anche una semplice costruzione come un grattacielo viene percepita
come una geometrizzazione per creare un perfetto equilibrio geometrico e
una forza simbolica. Inoltre esprime l’idea di un istante fermo, stabile,
rappresentante l’idea del concreto e del mondo materiale bloccando in
quel dato luogo l’ orizzonte delle idee.
Queste caratteristiche per noi sono dei simboli di modernismo ma per
Lui” sono solo da guardare con diffidenza, poiché bloccano quello che
solo l’uomo può avere, che ha conquistato e ora rischia di perderlo
intrappolato nella materia inanimata: il proprio pensiero.
Queste costrizioni sono rappresentate dalle situazioni e dagli scenari che
il cowboy si trova ad affrontare, e che lo limitano fisicamente, cercando di trasformarlo da uomo libero a uomo della massa.

lost_2 lost_3 lost_4 lost_5 lost_6 lost_7 lost_8

Ph: Fausto Di Pino
Model: Fabio Mancini @ D’Management Group