Katie Meade: “Io non ho paura”
10 Ottobre 2017
L’autunno è Rock!
12 Ottobre 2017

By Fabrizio Imas
11 Ottobre 2017

Giovedì 12 ottobre inaugura la stagione 2017-2018 del Teatro Marconi di Roma con “Uomini sull’orlo di una crisi di nervi”, il celebre spettacolo di Galli e Capone diretto da Rosario Galli. Sul palco troveremo Federico Perrotta, Andrea Carli, Salvatore Mincione, Ferdinando Smaldone e Valentina Olla nel ruolo di Yvonne.

Portata in scena per oltre 23 anni, di questa scoppiettante commedia è stato realizzato anche un film datato 1995 (con Vincenzo Crocitti e Claudia Koll). Quattro amici si vedono ogni lunedì sera, da dodici anni, per giocare a poker: una sera uno di loro arriva dopo aver litigato con la moglie; è nervoso, fuori di sé, al punto che è impossibile giocare. I quattro amici iniziano a discutere sempre più animatamente e decidono che è meglio lasciar perdere il poker, la serata è rovinata. Ad un tratto però uno di loro ha un’idea brillante: perché non fare una cosa diversa, mai fatta prima, cercare una “signorina” che venga ad allietare la loro serata?

Dopo altre discussioni e ricerche esilaranti finalmente suona il campanello e si presenta lei, una ragazza bellissima, al di là di ogni immaginazione, simpatica, spiritosa, ironica, insomma sembra davvero un’apparizione ed i quattro amici perdono la testa, ognuno a modo loro. La ragazza però terrà a bada tutti e quattro e alla fine si rivelerà essere qualcosa di assolutamente diverso da ciò che tutti hanno pensato.

Parlando con il regista, Rosario Galli, mi ha rivelato che: “Ho accettato di dirigere una nuova edizione di Uomini sull’orlo di una crisi di nervi perché ho incontrato un gruppo di amici ancora affiatato, entusiasta, folle, così come accadde 23 anni fa, quando iniziai a scrivere il testo per Nicola Pistoia e gli altri storici interpreti. Federico Perrotta è un degno erede di quel gruppo insieme ai suoi scatenati compagni; un quartetto da non perdere. Fino a quando non arriva la splendida Valentina Olla; a quel punto trattenete il respiro e contate fino a…un milione!”