Elisabetta Armiato: “L’arte può salvarci”
24 Gennaio 2018
Il futuro della moda è unisex
25 Gennaio 2018

By TiTo Ciotta
24 Gennaio 2018

Dopo aver messo in scena Zoo di vetro di Tennessee Williams e Chi ha paura di Virginia Woolf? di Edward Albee, Arturo Cirillo chiude la trilogia della drammaturgia statunitense con il Teatro Menotti di Milano, nata qualche anno fa da un desiderio di un incontro scenico tra lui e Milvia Marigliano, scegliendo il bellissimo testo Lunga giornata verso la notte di Eugene O’Neill. Lunga giornata verso la notte, la più autobiografica delle opere di O’Neill, debuttò sulle scene nel 1956 tre anni dopo la sua morte. Vinse il Premio Pulitzer per la drammaturgia: il quarto per O’Neill ed il primo postumo nella storia del premio.

LUNGA GIORNATA VERSO LA NOTTE
dal 25 gennaio al 4 febbraio 2018
Teatro Menotti / via Ciro Menotti, 11 – Milano
di Eugene O’ Neill
regia Arturo Cirillo assistente alla regia Mario Scandale
con Milvia Marigliano, Arturo Cirillo, Rosario Lisma, Riccardo Buffonini


Lunga giornata verso la notte
, si svolge nell’arco di un lunghissimo giorno, fino ad arrivare a notte fonda, in cui i membri della famiglia Tyrone, disfatta da miserie fisiche e morali, si urlano in faccia l’uno contro l’altro la propria disperazione e la propria solitudine, annegando nel buio del dolore. Per saperne di più su questa famiglia americana, siamo andati direttamente a trovare Arturo Cirillo durante una pausa delle prove dello spettacolo Lunga giornata verso la notte.

Non vediamo l’ora di assistere a quest’ultima sfida con il teatro americano di Arturo Cirillo, complice un cast d’eccezione, perché a fine serata a vincere sarà sicuramente il sortilegio del Teatro.

Tournée dello spettacolo “Lunga giornata verso la notte”:

8 | 11 febbraio – Teatro Nuovo – Napoli
20 | 25 febbraio – Teatro Verga – Catania
2 | 4 marzo – Teatro Manzoni – Pistoia
6-7 marzo – Teatro Orfeo – Taranto
9 marzo – Teatro Garibaldi – Bisceglie
14 | 18 marzo – Teatro Rossetti – Trieste
21 | 25 marzo – Teatro Verdi – Padova