7 minuti con Ottavia Piccolo
2 Marzo 2016
Giovanna Lomazzi
8 Marzo 2016

la_merda

È possibile censurare uno spettacolo solo leggendo il titolo?
Ebbene sì.

Dopo l’ennesima censura Cristian Ceresoli e Silvia Gallerano, rispettivamente autore/regista e attrice dello spettacolo La merda, decidono di cambiare il titolo ne:

La cacca

…ma non è proprio la stessa cosa.

Venerdì 30 Gennaio 2016
Il Gruppo Torinese Trasporti ha imposto il divieto all’affissione, già concordata, sulla fiancata degli autobus in servizio a Torino di un tabellone pubblicitario, utile al lancio della data del 11 Febbraio, al Teatro Colosseo.

“Non si contano le violenze simili a questa subite negli ultimi cinque anni – a parlare è Cristian – rappresentano un danno, dato che ogni replica, ogni data è un rischio personale e economico”

Questa censura si rivolgerebbe al titolo, perché offensivo, ma non solo.

“Al titolo, scelto e scritto in poesia – precisa Cristian – e al nudo di Silvia, scelto secondo poesia anch’esso. Ma non è questa la forma di censura che più ci umilia e progressivamente va distruggendoci. Quella più pericolosa è una più oscura e subdola, che si manifesta attraverso una sorta di isolamento, che qui in Italia ci viene imposta (Cristian vive e lavora a Londra). Una forma di emarginazione in conseguenza di una necessità, mia e di Silvia, di poterci esprimere indipendentemente dalle convenienze e da corrotti interessi personali, magari camuffati da interessi politici, e da un sistema che vede il dispendio di finanziamenti per enormi baracconi effimeri che non generano né lavoro né sistema, ma volentieri sfruttano gli artisti”

Questo è triste perché colpisce, non solo il lavoro di Cristian e Silvia, ma di tutti quei artisti che sopravvivono delle proprie forze, e ce ne sono tantissimi.

Era circa il 2010 quando per la prima volta, in scena presso una piccola ma grande location qual era il PIM di Milano, uno studio su quello che oggi è diventato uno spettacolo CULT:

La Merda
Testo diviso in tre parti: Le cosce, il cazzo e la Fama ed un epilogo l’Italia.

Il sottoscritto uscì galvanizzato da questo spettacolo. Due anni dopo

La Merda

Meravigliava tutti al Festival di Edimburgo 2012 vincendo (primo spettacolo italiano) il Fringe First Award for Writing Excellence per la scrittura a Cristian Ceresoli, il The Stage Award for Acting Excellence per l’interpretazione a Silvia Gallerano e Arches Brick Award for Emerging Art.

La Merda

È la storia di una giovane donna, la sua adolescenza, del padre che è venuto a mancare (metafora dei mancati padri politici di questa generazione di giovani italiani) e disposta a tutto pur di fare carriera, una metafora dell’Italia di oggi.

Quale potrebbe essere la grande occasione per questa giovane donna senza nome? Un provino per lo spot di una pubblicità progresso sui 150 anni dell’Unità d’Italia. Appunto!

La Merda

È la storia di una giovane donna feroce e negativa, ma al contempo molto umana, tanto da volerla abbracciare a fine serata.

Seduta, su di uno sgabello simile a quelli che usano i domatori del circo, con un microfono in mano Silvia, completamente nuda, ci investe di quella merda che ogni giorno guardiamo in televisione e della quale ci nutriamo, senza filtrarla, perché stanchi e pigri.

La Merda

È stato considerato “straordinario” dal Times così come straordinaria l’interpretazione di Silvia Gallerano “sublime e da strapparti la pelle di dosso” dal Guardian.

E in Italia cosa facciamo? Censuriamo:

La Merda

la_merda_2

Noi di StarsSystem diciamo NO a qualsiasi forma di censura e di seguito riportiamo le prossime date del loro tour, con la speranza di vederle aumentare sempre di più:

9 Marzo 2016, L’Altro Teatro, Cadelbosco (RE)

10 Marzo 2016, Nuovo Cinema Teatro Italia, Soliera (MO)

7 Aprile 2016, Auditorium Parco della Musica, Roma

21 Maggio 2016, Festival de Almada, Lisbona (Portogallo)

Forse ci siamo dimenticati di ricordarvi che lo spettacolo si intitola:

La Merda

Per essere costantemente aggiornati potete consultare la seguente pagina:
www.cristianceresoli.it/tour/