TVLand – Il Supplente
25 Giugno 2018
Mommy’s Wardrobe
26 Giugno 2018

By TiTo Ciotta
25 Giugno 2018

L’avevamo intervistato dopo aver letto i suoi due bellissimi libri Goditi il problema e Il giorno più felice della mia vita, ma avevamo già capito che Sebastiano Mauri non era ‘solo’ uno scrittore, ma un artista con la A maiuscola. Sceneggiatore, regista, pittore, fotografo, dopo il successo di critica al Torino Film Festival arriva al cinema (solo 3 date), come evento speciale, la versione cinematografica dello spettacolo teatrale scritto, diretto e interpretato da Filippo Timi:

FAVOLA
dal 25 al 27 giugno 2018

diretto da Sebastiano Mauri
con Filippo Timi, Lucia Mascino, Luca Santagostino, Sergio Albelli e con Piera Degli Esposti

C’era una volta,
una casa fiabesca in una cittadina qualunque della provincia americana con un salotto accogliente e una vita perfetta come in un film di Doris Day.
C’era una volta,
una donna che sognava, in vaporosi abiti Anni Cinquanta e un’amica bionda come Kim Novak nelle pellicole di Hitchcock.
C’era una volta,
tutta l’illusione possibile e il suo improvviso ribaltamento…

Sebastiano Mauri  ci ha aperto la porta del suo studio milanese e ci ha raccontato una bellissima Favola.

Favola, prodotto da Palomar con Rai Cinema e distribuito da Nexo Digital, ci conduce negli Stati Uniti degli anni Cinquanta dove Mrs Fairytale (Filippo Timi) e Mrs Emerald (Lucia Mascino) s’incontrano ogni giorno per condividere le loro esistenze tranquille e borghesi. Ma la facciata di perfezione lentamente si sgretola, rotta da segreti terribili e possibilità inaspettate. Un grande gioco condotto con sapienza, che evoca il cinema dell’età d’oro di Hollywood e ha il ritmo del Carosello, che è improvvisazione scenica e racconto di fantascienza, sullo sfondo delle note alla Nat King Cole, dei jingle pubblicitari e delle carole natalizie. Nessuna Favola è mai perfetta come sembra e, per quanto tu possa resistere, imbalsamata dietro la bugia di un sorriso, la vita brutale e spietata busserà alla tua porta e nulla sarà mai più come prima…

Un mondo surreale in cui le aspirazioni e i sogni dei personaggi prendono corpo, si scontrano, crollano e si realizzano. Un sogno, forse, in cui chiunque può finalmente essere chi vuole essere, ma dietro al quale si cela un’altra, sconvolgente realtà. Una commedia fantastica e surreale per confrontarsi con il tema attuale dell’identità, attraverso un’estetica sfarzosa e sorprendente. Un mondo artificiale, esagerato e persino impossibile. Una Favola che è una black comedy in costume e che usa l’ironia per farci riflettere su temi seri, e il passato altrui per gettare luce sulle contraddizioni del nostro presente, narrando la presa di coscienza e liberazione di una straordinaria donna americana, bianca, borghese e transessuale.

Piccola curiosità: a Filippo Timi è stato assegnato il premio MORE LOVE 2018 per “il suo impegno a sostegno della Legge Cirinnà, per il riconoscimento di diritti civili e umani fondamentali”, per aver sostenuto la causa LGBT attraverso la sua carriera e perché con Favola (film d’inaugurazione della 32esima edizione) è riuscito “a prendere per mano lo spettatore e a raccontargli con leggerezza, ironia e molto amore cosa vuol dire essere una persona transgender”.