Marco Cecchinato: Parigi val bene un’attesa
7 Giugno 2018
Rai: il valzer dei conduttori
8 Giugno 2018

By TiTo Ciotta
08 Giugno 2018

Dopo il fortunato spettacolo Il Mercante di Venezia, la compagnia Idiot Savant capitanata dal regista Filippo Renda torna al Teatro Fontana e si misura con un altro famoso testo shakespeariano:

SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE
dal 5 al 24 giungo 2018
Teatro Fontana _ via Gian Antonio Boltraffio 21, Milano
di William Shakespeare
traduzione, adattamento e regia Filippo Renda
con Astrid Casali, Aurelio Di Virgilio, Matteo Gatta, Mauro Lamantia, Luca Oldani, Beppe Salmetti, Mattia Sartoni, Laura Serena, Irene Serini, Ester Spassini

Sfondo, per questa edizione da sogno (di una notte di mezza estate), una Londra fine anni ’70. Un periodo che ha rappresentato un momento di tensione e collasso della società. Di fatti, nel mondo dell’arte londinese, i giovani dichiararono il proprio disgusto per i vecchi in bombetta con la musica invece che con le armi. E così vediamo nascere il Punk, l’Art Rock e il Glam Rock, espressioni musicali che eliminavano a priori tutte le convenzioni imposte dai padri: mentre l’ambiguità di genere e l’androginia diventano uno strumento per fuggire dalla legge del padre.

Per capire meglio cosa ci dovremo aspettare dal Sogno di Filippo Renda, lo abbiamo nuovamente incontrato, questa volta durante la prova generale, sul palco del Teatro Fontana in compagnia di Irene Serini e Mauro Lamantia.

Sogno di una notte di mezza estate si presta bene a tradimenti e incursioni in quanto ricco di contaminazioni, di suggestioni provenienti da diverse fonti, di echi di altre epoche. In questo testo in particolare si compie l’incontro perfetto tra la struttura delle commedie shakespeariane – fatte di contrappunti, cinica dialettica, costruzione millimetrica e a tutto tondo dei personaggi – e i temi delle opere legate all’Inghilterra medievale, come Macbeth o Amleto: drammi cupi, dove la violenza affonda le sue radici nella narrazione e il rapporto col mistero è diretto, la magia parte della vita dell’uomo. E se la magia della vita è parte dall’uomo, non possiamo che augurarvi un “sogno” lungo tutto il mese di giugno, al Teatro Fontana, con la compagnia Idiot Savant.