Zach King – Game Changer
18 Aprile 2018
Fetish for love
20 Aprile 2018

By TiTo Ciotta
19 Aprile 2018

Chi sono Mattia Fabris e Jacopo Bicocchi?

Due amici,
Due attori,
Due appassionati di montagna o meglio…
Due arrampicatori della domenica.

Mattia si diploma alla Civica scuola d’arte drammatica Paolo Grassi di Milano, Jacopo alla scuola del Teatro Stabile di Genova. Nel 1996, Mattia fonda l’Associazione Teatrale Indipendente per la Ricerca A.T.I.R, con la quale lavora all’interno di pressoché tutti gli spettacoli. La compagnia gestisce il Teatro Ringhiera di Milano (attualmente chiuso per ‘importanti’ ristrutturazioni). Parallelamente ha lavorato anche con registi come; Cristina Pezzoli, Gabriele Vacis, Bob Wilson in qualità d’attore. In qualità di regista ha diretto Chiara Stoppa nello spettacolo Il ritratto della salute del quale è anche autore.

Jacopo, dopo essersi diplomato lavora con il Teatro Stabile di Genova, per poi passare al cinema e alla televisione. A teatro ha lavorato con Cristina Pezzoli e Fausto Paravidino, per il cinema con Giuseppe Piccioni, Renato De Maria, Daniele Vicari e Maria Sole Tognazzi, per la televisione con Pupi Avati. Circa tre anni fa, Mattia e Jacopo, si sono imbattuti nell’incredibile storia raccontata nel libro La morte sospesa di Joe Simpson e Simon Yates. Da lì nacque lo spettacolo (S)legati. Oggi tornano in scena con lo spettacolo che è l’evoluzione naturale di (S)legati:

UN ALT(R)O EVEREST
fino al 22 aprile 2018
Teatro della Cooperativa / Via Hermada, 8 – Milano
di e con Mattia Fabris e Jacopo Bicocchi

“Abbiamo sentito la chiamata e in qualche modo il dovere di continuare l’indagine così ricca e fruttuosa, nata durante tutto il percorso circuito della montagna.
 Per farlo, però, non ci bastava una semplice storia di alpinismo. Avevamo bisogno di una storia che potesse elevarsi a paradigma, che potesse, in qualche modo, contenere le storie di tutti, anche di chi la montagna non la frequenta o addirittura non la ama. Una storia che fosse, per dirla in breve, universale.
 E l’abbiamo trovata: la storia di Mike e Jim”. Per sapere chi sono i due amici Mike e Jim abbiamo invitato in redazione i due amici Mattia e Jacopo.

1992, Mike e Jim decidono di scalare la loro montagna: il Monte Rainier nello stato di Washington, Stati Uniti. Il sogno di una vita, una vetta ambita da ogni scalatore, un passaggio obbligato per chi, nato in America, vuole definirsi Alpinista. “The Mountain” come la chiamano a Seattle. Ma le cose non sono mai come ce le aspettiamo e quella scalata non sarà solo la conquista di una vetta. Sarà un punto di non ritorno, un cammino impensato nelle profondità del loro legame, un viaggio che durerà ben più dei quattro giorni impiegati per raggiungere la cima.

Per gli appassionati della montagna, per gli amanti del teatro, ma soprattutto per i sognatori delle belle storie, con Un altr(o) Everest troverete pane per i vostri denti, perché “quando gli uomini e le montagne si incontrano grandi cose accadono”. Questo il pensiero di William Blake e vi assicuriamo che grandi cose accadranno anche in scena grazie alla bravura di Mattia Fabris e Jacopo Bicocchi.