Ciao Carlo, maestro della risata
9 Luglio 2018
International Couture: il mondo in passerella
9 Luglio 2018

By TiTo Ciotta
09 Luglio 2018

Tipo nordico con cittadinanza italiana e americana (infatti ha vissuto tantissimi anni a Los Angeles). Donna molto curiosa ed estremamente poliedrica: scrittrice di prosa e di poesie, attrice, regista, critico teatrale e modella. Tra i suoi maestri ci sono Gian Pietro Calasso e Susan Strasberg, giusto per citarne due. Stiamo parlando della bellissima, appassionata, instancabile, energica Daria D. Morelli, in scena con lo spettacolo selezionato da Banco di Prova – Rassegna Liberi d’Estate:

A.WILSON
data unica 12 luglio 2018
Teatro Libero / Via Savona, 10 – Milano
di Daria D. Morelli
regia Lorenzo Castelluccio
con Daria D. Morelli, Barbara Sirotti, Lorenzo Castelluccio
al pianoforte Carlo Zerri

A.Wilson è la storia di una pazzia che incomincia quando Alma Wilson, bambina, riceve un regalo dal padre. Peccato però che non era il regalo che lei avrebbe voluto, difatti quel dono le segnerà la vita, incanalandola lentamente in una strada senza ritorno, fatta di solitudine, successi, visioni, viaggi incompiuti, luce crepuscolare, ricordi, sofferenze e personaggi immaginari creati dalla sua fantasia, come se, davanti ad uno specchio scoprisse un’Alma diversa, quella che avrebbe voluto essere, ma non è mai stata. Quel ‘regalo’ trasformerà Alma in una scrittrice famosa. Ma Alma ha anche una sorella, Alba, donna estroversa e piena di vita che preferisce l’azione alla meditazione e al silenzio. Le due A., diverse tra loro, ma unite dalla fratellanza, sono come due facce della stessa medaglia: luce e ombra, giorno e notte, gioia e tristezza, finzione e realtà.

Incuriositi da queste due A., abbiamo incontrato a bordo vasca, ospiti della splendida cornice del Mulino di Prada, Daria D. Morelli. Perché a bordo vasca? La risposta è nella nostra video intervista.

A.Wilson è una commedia/tragedia dai risvolti oscuri come la notte e luminosi come il giorno, o forse è il contrario, perché nulla è mai come sembra. Per scoprirlo non vi resta che andare al Teatro Libero il 12 luglio alle ore 21:00. Noi ci saremo, e voi?