Fabio Inka – Impacto
24 Maggio 2018
Nadia Toffa: una leonessa tra le Iene
25 Maggio 2018

By TiTo Ciotta
24 Maggio 2018

In scena l’ultimo spettacolo della stagione 2017/18 del Teatro Filodrammatici, con gli stessi 11 promettenti attori di Tamburi nella notte regia Francesco Frongia, che ha aperto la stagione il 5 ottobre 2017. Questa volta a dirigere gli ex 11 studenti dell’Accademia dei Filodrammatici, è Bruno Fornasari nello spettacolo:

MARTIRI
dal 22 maggio al 3 giugno 2018
Teatro Filodrammatici / Via Filodrammatici, 1 – Milano
di Marius von Mayenburg
regia Bruno Fornasari
con Luigi Aquilino,Edoardo Barbone, Denise Brambillasca, Gaia Carmagnani, Eugenio Fea, Ilaria Longo, Simone Previdi,Alessandro Savarese, Valentina Sichetti, Irene Urciuoli, Daniele Vagnozzi

Martiri è uno spettacolo che trasforma la crisi adolescenziale in metafora di un mondo deviato ed estremo che esprime violentemente il proprio disagio attraverso dei princìpi che crede assoluti, senza alcuna volontà argomentativa. E così, ai social network il giovane Benjamin sostituisce la Bibbia tascabile, a differenza dei suoi coetanei i quali, in tasca, tengono il cellulare. Benjamin vuole ordine e rigore morale in base ai dettami del libro sacro e comunica il suo credo con violenza, prima verbale e poi fisica in un crescendo di fanatismo che lascerà tutti sconcertati e indifesi.

Ma cosa potrebbe accadere se le parole di un testo antico come la Bibbia venissero prese alla lettera dai fedeli cristiani di tutto il mondo? Potremmo ancora avere veline seminude in televisione? Sarebbe permesso lottare per la parità di diritti delle coppie omosessuali? A queste nostre domande e curiosità, ha risposto Bruno Fornasari.

Martiri è un ‘grande’ spettacolo interpretato da ‘giovani’ attori, i quali affrontano con impegno una tematica molto delicata, specie in questo periodo storico nel quale viviamo o meglio dire conviviamo.

Una curiosità: da questa pièce è stato tratto il film Parola di Dio nel 2016 diretto dal regista russo Kirill Serebrennikov, presentato alla 69ª edizione del Festival di Cannes nella sezione Un Certain Regard, ha vinto il premio François Chalais.