Marina Crialesi – Piano Primo
5 Ottobre 2018
TVLand – PresaDiretta: l’inchiesta da (salva)guardare
9 Ottobre 2018

By Riccardo Galeazzi
08 Ottobre 2018

Sono passati vent’anni da quando l’ultimo, vero colossal del cinema americano uscì nelle sale di tutto il mondo. Titanic, la storia d’amore senza tempo di James Cameron, è pronto a tornare in sala. È già la terza volta che la pellicola compare sugli schermi italiani. La prima fu nel 1998, quando restò in programmazione da gennaio a giugno – un vero evento, nell’epoca del boom del videoregistratore – e si assicurò il primo posto negli incassi mondiali di tutti i tempi. Primato che gli verrà sottratto nel 2010 da Avatar. La seconda volta fu nell’aprile del 2012, quando per celebrare il centenario del tragico viaggio della nave, la Fox distribuì la versione 3D. Anche in quel caso, nonostante fosse andato in onda su Canale 5 pochi giorni prima dell’uscita, Titanic fu al primo posto del box office italiano (è giusto far notare che pochi mesi prima di questo secondo passaggio ci fu il naufragio della Costa Concordia). La terza è quella di questi giorni. In America l’evento celebrativo c’è già stato l’anno scorso, in quanto la prima del film fu nel 1997. Ma qual è il motivo per cui Titanic è rimasto per così tanto tempo sulla cresta del successo? Le ragioni sono molte, citiamo solo le più importanti.

Un’amore indimenticabile

La storia d’amore tra Rose De WittBukater e Jack Dowson è diventata il simbolo del romantic drama del XX secolo, nonostante diversi critici abbiano osservato che nel cinema ci sono esempi ben più meritevoli di lode. Inoltre gli sfortunati amanti sono stati interpretati da due icone del cinema hollywoodiano: Leonardo Di Caprio e Kate Winslet, che ricevette la candidatura all’Oscar per la sua recitazione. La scena del volo sulla prua del Titanic è una delle più citate. Ricordiamo nella commedia natalizia Love Actually il momento in cui Liam Neeson usa Kate e Leo per spiegare cosa sia l’amore al figlio, piuttosto che la copertina del fumetto Disney Storie Titaniche in cui Minnie e Topolino riproducono la suddetta scena.

Un investimento milionario

Titanic è al terzo posto nella classifica dei film più costosi. Ci sono infatti voluti 200 milioni di dollari per produrlo e 85 milioni per promuoverlo. Paramount Pictures e 20th Century Fox si divisero le spese. Non esistevano teatri di posa abbastanza grandi per girare un film di tale importanza, così la produzione decise di acquistare 16 milioni di metri quadrati di costa lungo la spiaggia di Rosarito (Messico). Fu allestito un cantiere navale nel quale fu poi ricostruito il Titanic, in scala 1:1. Per rendere la scena dell’affondamento più reale, il set fu affondato realmente, facendo entrare acqua di mare vera nei corridoi.

Il trionfo agli Oscar

Solo Ben-Hur e Il Signore degli Anelli – il Ritorno del Re hanno eguagliato gli 11 premi Oscar portati a casa da Titanic. La notte degli Academy Award del’98 fu quasi una celebrazione esclusiva del film di James Cameron. Tra le statuette d’oro ricordiamo le due vinte dal compianto James Horner, il compositore della colonna sonora e della canzone originale del film. Il CD di Titanic, coronato da My Heart Will Go In cantata da Celine Dion, è uno dei dischi più venduti al mondo.

 

Titanic è al cinema dopo 20 anni dall’8 al 10 Ottobre, in un numero selezionato di sale. I biglietti sono disponibili su stardust.it.