Black Mirror è realtà: il futuro fa paura
16 gennaio 2018
Korean Skincare Routine
17 gennaio 2018

By Riccardo Galeazzi
17 Gennaio 2018

Un commosso Steven Spielberg ha presentato a Milano il suo ultimo film, The Post, in uscita il prossimo 1° febbraio. Il Cinema Odeon, una tra le sale storiche del capoluogo lombardo, in piazza del Duomo, ha fermato per due giorni la sua programmazione per ospitare la première italiana. Insieme al regista erano presenti anche Andrea e Raffaella Leone, distributori italiani della Leone Film Group, Kristie Macosko Krieger, produttrice, ma soprattutto Meryl Streep e Tom Hanks, protagonisti. Il regista ha voluto innanzitutto ringraziare la sua produttrice e la distribuzione italiana; sebbene Spielberg abbia sempre creduto nella sceneggiatura di The Post, erano anni che questa giaceva negli archivi hollywoodiani senza che nessun produttore la recuperasse. Ma il grande Steven l’ha trovata e ora siamo qui. Se con Tom Hanks ormai c’è un rapporto più che consolidato – infatti questo è il quinto film in cui regista e attore lavorano insieme – non si può dire lo stesso con Meryl Streep. Infatti, tra gli altri interventi, Steven Spielberg ha espresso la sua felicità per aver lavorato per la prima volta con l’attrice de Il Diavolo Veste Prada e dopo aver detto questo, la Streep si è accostata al suo microfono e ha aggiunto: “Not the last” (Non l’ultima volta). Tom Hanks, il cui carisma è leggenda, è stato il primo ad entrare in sala sbracciandosi in saluti e quando è stato il suo turno per parlare, ha semplicemente detto: “Non aggiungo altro. Fatemi sedere in questo bellissimo cinema e fatemi godere il film“.

E quindi, giustamente, passiamo a parlare di The Post. È il 1971: Kay Graham (Meryl Streep) è diventata, dopo il suicidio del marito, la proprietaria del Washington Post, un quotidiano già allora importante, ma in grave crisi economica. Proprio quando il Post sta per essere quotato in borsa, il New York Times pubblica la notizia dei Pentagon Papers, uno studio che dimostra che la feroce guerra in Vietnam poteva già concludersi da diversi anni e che gli ultimi Presidenti hanno mentito al popolo americano. Il Governo Nixon vieta al Times di pubblicare ulteriori informazioni sul caso e allora il direttore del Post, Ben Bradlee (Tom Hanks), decide di intervenire, trovare i documenti del Pentagono e pubblicarli. Ma per poterlo fare Bradlee ha bisogno dell’appoggio della sgnora Graham, la quale sa bene che sfidare le forze politiche potrebbe rappresentare la definitiva pietra tombale sul quotidiano.

La scelta è il tema portante del film e pone una domanda profonda: quando il troppo sarà troppo? The Post esce in un momento delicato per il popolo americano. La situazione storica in cui viene calato il film serve solo per rendere solido l’asse narrativo, ma gli stessi temi potrebbero essere trasposti ad oggi. L’intento del regista, il quale ha scelto non a caso i due attori protagonisti – ricordiamo il monologo di Meryl Streep contro la politica di Trump alla scorsa notte degli Oscar -, è dichiaratamente quello di chiedere al popolo chi governi gli Stati Uniti: i governanti o il popolo? The Post si aggiunge al filone dei film per la battaglia ai diritti di libertà di stampa. Conscio di questo, Spielberg ha pensato bene di affiancare alla giovane sceneggiatrice Liz Hannah, Josh Singer, premio Oscar per Il Caso Spotlight. E di Oscar già se ne parla. Sembrano imminenti infatti le nomination per Miglior Film, Miglior Regia, Miglior Attrice Protagonista, Miglior Attore non protagonista e Miglior Colonna sonora.

Related Post

!-- Facebook Pixel Code -->