Antonio Manco e la sua Resistenza Artigiana: da Los Angeles con furore…

Sanremo 2013: la classifica parziale dei Big dopo la terza serata, altri 2 Giovani eliminati
15 Febbraio 2013
Il grande e potente Oz: la superstar Mariah Carey canta per il film
15 Febbraio 2013

Antonio Manco e la sua Resistenza Artigiana: da Los Angeles con furore…

Il documentario “Resistenza Artigiana” diretto da Antonio Manco, premiato dalla testata giornalistica DirettaNews, Youmovies.it e da Empire Magazine Inoltre, che ha vinto il Napoli Film Festival, è sbarcato in America.

 

Per la redazione di StarsSystem.tv, un ospite d’eccezione direttamente dall’America: Antonio Manco. Il regista ci ha omaggiato di una breve intervista e di alcune foto in esclusiva del Los Angeles Italia Film Festival. Il docu-film “Resistenza Artigiana” sarà proiettato oggi al Los Angeles Italia Film Festival. A questo link, l’intero programma del Festival.

Resistenza Artigiana” è la storia di chi resiste e persiste nel proprio lavoro a dispetto della globalizzazione, delle grandi imprese, e della crisi economica che caratterizza la società attuale. Protagonista del documentario Carmine Cervone, giovane artigiano del quartiere San Lorenzo, nel centro storico di Napoli. Custode dell’antica arte della tipografia, riporta in vita macchine del secolo scorso. In mancanza di leggi che ne riconoscano il valore, il suo lavoro potrebbe finire da un momento all’altro, ma Carmine resiste ostinatamente, e ogni giorno la sua bottega si trasforma in un meraviglioso museo in movimento. L’utilizzo di antiche macchine da stampa, (una Linotype, un torchio del 1840 e una Stella Heidelberg), consente a Carmine di realizzare prodotti unici, che la grande industria non può produrre: utilizza carte impastate con i materiali più disparati, dal tufo al caffè, all’orzo, ecc.

A rendere ancora più dura e forte la resistenza di Carmine è la situazione di inadempienza burocratica che non gli permette di essere legale. Infatti,  le sue attrezzature, i suoi strumenti da lavoro, non sono riconosciuti dalle leggi e norme in vigore che non riescono a dargli una “sistemazione” proprio per il suo essere in qualche modo “fuori dal tempo”, rendendolo di fatto un “fuori legge”. La sua è una forma di protesta discreta ma piena di energia contro un sistema di produzione che non lascia spazio agli antichi saperi artigiani. Il docu-film è prodotto dalla Gika Productions.

“In questo mio breve film, ho coinvolto e preso ad esempio una tipografia e non per caso. La tipografia infatti rappresenta il momento di svolta nella storia della cultura e non solo europea, ed è importante ricordare che contribuito alla diffusione della cultura. Oggi, invece, presi dalla corsa contro il tempo, spesso non ci accorgiamo che certe situazioni accrescono il loro valore umano. “Resistenza Artigiana” pone al centro di questa resistenza quelle capacità e qualità umane che sono alla base della nostra storia e della nostra cultura. Carmine Cervone é un dinosauro, scoperto dal documentarista-archeologo Antonio Manco, che mette in luce e rappresenta una razza in via d’estinzione: gli artigiani-artisti. Altra ed ultima cosa fondamentale è il senso che ha il “fare film” e nel mio caso, la volontà di realizzare una serie di documentari con la stessa tematica di fondo. In definitiva, questo tipo di cinema documentaristico offre la possibilità di cogliere la magia del passato, di non perderla e di riportarla per sempre nel futuro. Il filmare diviene quindi un’azione culturale di per sé. Ecco uno degli aspetti principali per cui è necessario e doveroso finanziare e promuovere un progetto culturale come questo”, afferma il regista dall’America.

Ecco il trailer.

Ecco alcune foto del Los Angeles Italia Film Festival.