Jack Reacher: il viaggio dalle pagine al grande schermo

Anastasia by Federico Simone
7 Gennaio 2013
Flight
8 Gennaio 2013

Jack Reacher: il viaggio dalle pagine al grande schermo

Autore di best-sellers mondiali, Lee Child, non aveva preventivato di diventare un autore di successo. Dopo aver frequentato giurisprudenza nella sua nativa Gran Bretagna, Child ha firmato con l’inglese Granada Television, dove ha trascorso i seguenti 18 anni come regista in alcuni dei programmi e serie più rispettati, durante quello che alcuni critici, definiscono “L’età d’oro” della televisione britannica. Ma nel 1995, un riassetto aziendale, ha lasciato Child senza lavoro, e così iniziò la stesura di un libro, in seguito intitolato Zona Pericolosa. Pubblicato nel 1997, il suo romanzo di debutto era incentrato su un protagonista chiamato Jack Reacher, che da subito conquistò i lettori. Dopo 17 romanzi su Reacher, le affinità di Child (e dei lettori) nei confronti del personaggio, non sono diminuite.

 

“A mio parere, è la metafora di ciò che ognuno di noi desidera segretamente, la giustizia. E questo è il grande fascino di Reacher, sia per gli uomini che per le donne. Le donne in particolare, a mio avviso, si sentono estremamente offese dalle ingiustizie.

Ed ecco Reacher, che trovando una situazione sbagliata, cercherà di risolverla. Farà tutto quanto necessario, senza scrupoli di sorta. E sicuramente c’è molta violenza nei libri, una violenza intransigente. E credo che in segreto, nel profondo, questo sia ciò che tutti noi desideriamo. Vogliamo vedere le cose andare per il verso giusto, e vogliamo vedere i cattivi puniti”, dice Child.

Jack Reacher-La Prova Decisiva” è basato su “La Prova Decisiva“, il nono della serie di romanzi su Reacher, ma perché iniziare dalla metà? Il produttore Granger afferma: “La Prova Decisiva è forse il più cinematografico tra tutti i libri della serie. All’interno del romanzo sono presenti diversi elementi che abbiamo pensato fossero importanti da inserire in un primo film. Primo, penso che sia una delle migliori introduzioni possibili al personaggio di Reacher: è un ottimo modo per portarlo in una trama, che è già in forte movimento. E secondo, e forse ancor più importante, troviamo in lui, un dilemma morale. Entra nella storia, credendo una cosa, e poi dovrà rendersi conto, che forse, i fatti e la realtà vanno da un’altra parte. Deve allora decidere se prendere la via più facile, o la via più difficile, in questa decisione, si arriverà a comprendere perché Jack Reacher è diverso da qualsiasi altro eroe”.

Il film è ancorato al protagonista, interpretato da Tom Cruise. Per Cruise, l’approvazione da parte di Child, è stata molto importante.
“Reacher è un grande personaggio, non possiede un telefono cellulare, non ha l’e-mail. È un ragazzo analogico nell’era digitale. È al di fuori della griglia. Paga le cose in contanti. Le persone, spesso, approcciano le cose attraverso il prisma dei colori della loro vita, mentre Jack Reacher fa spesso delle cose nel modo in cui, tutti vorrebbero farle. In quel senso, è una specie di Ispettore Callaghan, di James Bond, di Josey Wales”, dice Cruise.

Ecco alcune immagini tratte dal film.