Festival Internazionale del Film di Roma: Sabrina Ferilli protagonista della serata di apertura

Soap opera: ciak si gira per Alessandro Genovesi
7 Novembre 2013
Eminem: The monster
7 Novembre 2013

Festival Internazionale del Film di Roma: Sabrina Ferilli protagonista della serata di apertura

Sarà Sabrina Ferilli la protagonista della serata di apertura dell’ottava edizione del Festival Internazionale del Film di Roma (8 – 17 novembre 2013). L’attrice romana inaugurerà il red carpet dell’Auditorium Parco della Musica e saluterà il pubblico della Santa Cecilia (che quest’anno tornerà ad essere la sala principale del Festival), prima della proiezione de L’ultima ruota del carro, il film di Giovanni Veronesi che sarà proiettato come gala Fuori Concorso la sera dell’8 novembre.

L’attrice romana è uno dei volti più noti e amati del cinema italiano. Dopo i primi esordi nel mondo dello spettacolo, il regista e sceneggiatore Alessandro D’Alatri la sceglie per affiancare Burt Young, Fabrizio Bentivoglio e Massimo Ghini in Americano Rosso (1991), film che viene premiato con il David di Donatello al miglior regista esordiente. Due anni dopo, è la protagonista di Diario di un vizio, opera che si aggiudica il Premio della critica al Festival di Berlino. Nel 1994, Sabrina Ferilli si aggiudica il Nastro d’Argento alla Miglior attrice per la sua interpretazione ne La bella vita (1994), debutto cinematografico del regista, sceneggiatore e produttore cinematografico toscano Paolo Virzì.

Nello stesso anno, recita ne Il giudice ragazzino di Alessandro Di Robilant, pellicola che si aggiudica il premio della critica alla Berlinale. Nel 1996, l’attrice lavora per Ricky Tognazzi nel cast di Vite strozzate e di nuovo con Virzì in Ferie d’agosto, opera che si aggiudica il David di Donatello come Miglior film e vale a Sabrina Ferilli una nomination al Nastro d’Argento come Miglior attrice protagonista. Nello stesso anno, recita nel film di Alessandro Benvenuti, Ritorno a casa Gori, mentre nel 1998 interpreta il personaggio di Nora in Tu ridi di Paolo Taviani e lavora con Francesco Nuti per Il signor Quindicipalle. Due anni dopo, l’attrice romana è una dei protagonisti di A ruota libera di Vincenzo Salemme con Carlo Buccirosso e Massimo Ceccherini. Nel 2003, il celebre regista e sceneggiatore milanese Luciano Emmer la sceglie per L’acqua… il fuoco, presentato fuori concorso alla 60. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Per la sua parte al fianco di Giancarlo Giannini riceve nel 2004 il Premio Vittorio De Sica, consegnato dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi.

Dal 2004 al 2011, lavora con Neri Parenti nei film campioni d’incasso Christmas in love (2004), Natale a New York (2006), Vacanze a Beverly Hills (2009), Vacanze di Natale a Cortina (2011). Nel 2008, Sabrina Ferilli è di nuovo a fianco di Paolo Virzì nella pluripremiata commedia Tutta la vita davanti grazie al quale riceve il Nastro d’Argento come Miglior attrice non protagonista e la nomination al David nella stessa categoria. Nel 2009 recita in I mostri oggi di Enrico Oldoini. Nel 2011 presta la voce al personaggio di Sally, nella versione italiana del cartone animato Walt Disney, Cars 2. Nel 2013, Sabrina Ferilli viene diretta da Paolo Sorrentino ne La grande bellezza, presentato in concorso al Festival di Cannes e selezionato per rappresentare la produzione cinematografica italiana agli Oscar® 2014. Grazie alla sua interpretazione al fianco di Toni Servillo e Carlo Verdone, l’attrice romana si è aggiudicata per la quarta volta un Nastro d’Argento (Miglior attrice non protagonista).

Nel corso della carriera, Sabrina Ferilli dimostra la sua versatilità anche nel mondo della televisione e del teatro. Sul piccolo schermo, nel 1996, conduce il Festival di Sanremo a fianco di Pippo Baudo e presenta alcune puntate di Mai dire Gol, mentre nel 1998 recita in Commesse di Giorgio Capitani e nel 1999 ne Le ali della vita di Stefano Reali con Virna Lisi. Nel 2000 riceve il Premio Internazionale Flaiano per la migliore interpretazione femminile in Come l’America dei fratelli Frazzi. L’anno seguente, conduce con Lucio Dalla il programma di Rai Uno La bella e la Besthia. Nel 2004 recita in Dalida (diretto da Joyce Bunuel), ed è protagonista delle serie tv Due imbroglioni e mezzo di Franco Amurri con Claudio Bisio (2006 e 2009). Seguono le due stagioni di Anna e i cinque di Monica Vullo (2008) e Franco Amurri (2010). Nel 2013, è produttrice e attrice della miniserie tv Baciamo le mani di Eros Puglielli.

La sua carriera teatrale inizia nel 1994, quando debutta al Teatro Sistina di Roma nello spettacolo firmato da Garinei e Giovannini, Alleluja brava gente. Ha lavorato ancora con Pietro Garinei in Un paio d’ali (1996) e Rugantino (1998). Nel 2005 ha recitato con Maurizio Micheli ne La presidentessa di Maurice Henneghin e Veber, con la regia e l’adattamento di Gigi Proietti.