Festival Internazionale del Film di Roma: Fear of Falling di Jonathan Demme in prima mondiale

The Grandmaster: recensione
18 Settembre 2013
The Grandmaster: video intervista a Wong Kar-wai
18 Settembre 2013

“Fear of Falling”, il nuovo film del premio Oscar® Jonathan Demme, sarà presentato in prima mondiale nel corso dell’ottava edizione del Festival Internazionale del Film di Roma (8-17 novembre 2013). In occasione della presentazione del film, che farà parte del programma della sezione CinemaXXI dedicata alle nuove correnti del cinema mondiale, Jonathan Demme sarà il protagonista di una Masterclass: il regista, sceneggiatore e produttore statunitense incontrerà il pubblico presso l’Auditorium Parco della Musica e parlerà del suo rapporto con il cinema, commentando le sequenze più significative della sua carriera e rispondendo alle domande della platea.

Premio Oscar® per “Il silenzio degli Innocenti” e autore di film come “Philadelphia“, “Rachel sta per sposarsi” e “Qualcosa di travolgente“, Demme è entrato nella storia del cinema per il suo stile variegato e versatile, sempre più sensibile, nel corso degli anni, alle narrazioni anticonvenzionali, di impegno sociale, che lo hanno avvicinato al mondo del documentario, affrontato sempre con sguardo lucido e acuto (“Stop Making Sense“, “The Agronomist“, “I’m Carolyn Parker: The Good, the Mad, and the Beautiful“).

L’idea di “Fear of Falling” nasce da una produzione teatrale, mai andata in scena, dell’attore, regista e sceneggiatore Andre Gregory, basata sul racconto “Il costruttore Solness” di Henrik Ibsen, tradotto e adattato dall’attore e commediografo Wallace Shawn.

Gregory e Shawn, legati da un sodalizio artistico che dura da circa quarant’anni, tornano a recitare sul grande schermo come protagonisti di “Fear of Falling” dopo la collaborazione con Louis Malle, che li aveva diretti ne “La mia cena con Andre” e “Vanya sulla 42ª strada“. Come i due film del regista francese, anche il nuovo lavoro di Demme, definito da Shawn e Gregory “un degno successore di Malle”, mantiene un’unità di spazio e ne prosegue la riflessione affrontando il rapporto fra cinema e teatro con una forte visione personale e una sottile vena di umorismo. “Fear of Falling” è stato prodotto da Rocco Caruso, suo storico coproduttore e vede come direttore della fotografia il celebre Declan Quinn che ha lavorato in “Vanya sulla 42ª strada“, ma anche in “Rachel sta per sposarsi“, “Jimmy Carter Man From Plains” e in molti altri documentari di Demme.

Wallace Shawn, che sarà presente al Festival in occasione della prima di “Fear of Falling“, è uno dei volti più riconoscibili dell’industria cinematografica e televisiva. Sul grande schermo ha all’attivo oltre cinquanta film, fra cui “All That Jazz – Lo spettacolo continua“, “Micki e Maude“, “I bostoniani“, “La storia fantastica“, “Prick Up – L’importanza di essere Joe” e “Scene di lotta di classe a Beverly Hills“. Inoltre, nel corso della sua carriera, Shawn interpreta memorabili ruoli in alcuni celebri film di Woody Allen: esordisce in “Manhattan” accanto a Diane Keaton, e recita in “Radio Days“, “Ombre e nebbia“, “La maledizione dello scorpione di giada” e in “Melinda e Melinda“. Shawn vanta inoltre partecipazioni eccellenti in numerose serie televisive (“I Griffin”, “Desperate Housewives”, “Sex & the City”, “Damages”, “The L Word”, “Star Trek: Deep Space Nine”) ed è la voce originale di Rex nella saga “Toy Story”.

Jonathan Demme è un regista, produttore cinematografico e sceneggiatore statunitense. Allievo di Roger Corman, Demme esordisce come regista nel 1974 con “Femmine in gabbia“. Nel 1980, dirige “Una volta ho incontrato un miliardario“, premiato come miglior film dell’anno dal New York Film Critics Circle, ma raggiunge il successo qualche anno dopo, con due commedie brillanti: “Qualcosa di travolgente” e “Una vedova allegra… ma non troppo“. Nel 1991 firma “Il silenzio degli innocenti“, che gli vale l’Oscar® per la Miglior regia e che si aggiudica altre quattro statuette: Miglior film, Miglior attore protagonista (Anthony Hopkins), Miglior attrice protagonista (Jodie Foster), Migliore sceneggiatura non originale. Demme torna sul grande schermo nel 1993 con un altro straordinario successo di critica e botteghino, “Philadelphia“, interpretato da Tom Hanks (Oscar® come Miglior attore protagonista), con le musiche di Bruce Springsteen (Oscar® alla Migliore canzone per “Street of Philadelphia”). Nel corso degli anni, Demme dirige “Beloved” (1998), tratto dall’omonimo romanzo di Toni Morrison, vincitore del Premio Pulitzer, ambientato alla fine della guerra di secessione americana, “The Truth About Charlie” (2003), remake di “Sciarada” (1963) di Stanley Donen e “The Manchurian Candidate” (2004) con Denzel Washington e Meryl Streep. Nel 2008, Demme firma la pellicola drammatica “Rachel sta per sposarsi“, protagonista Anne Hathaway che, per la sua interpretazione, riceve la candidatura al premio Oscar® come miglior attrice.

Nel corso della sua carriera, Demme gira numerosi videoclip musicali per Bruce Springsteen, Neil Young, New Order, The Pretenders e firma la regia di “Stop Making Sense” (1984), acclamato film-concerto girato in occasione di una performance live dei Talking Heads. Sempre nel campo dei documentari, il regista statunitense dirige “Storefront Hitchcock” (1998), film-concerto che vede protagonista il cantautore e chitarrista inglese Robyn Hitchcock; “The Agronomist” (2003), sul giornalista e attivista dei diritti umani “Jean Dominique“; “Neil Young: Heart of Gold” (2006), “Neil Young Trunk Show” (2009) e “Neil Young Journeys” (2011), tre omaggi al grande musicista canadese; “New Home, Movies From the Lower 9th Ward” (2007) e “I’m Carolyn Parker: The Good, the Mad, and the Beautiful” (2011), entrambi sulle conseguenze dell’uragano Katrina; “Jimmy Carter Man From Plains” (2007), che affronta la vita pubblica e privata del presidente degli Stati Uniti d’America Jimmy Carter; “Enzo Avitabile Music Life” (2012), sulla musica e la vita dell’artista napoletano.

Con “Fear of Falling“, Jonathan Demme racconta la storia di un celebre architetto, sempre più prigioniero delle sue fantasie.