Allegri, tutte le novità per il 2017
16 Novembre 2016
La ragazza del treno – Recensione
16 Novembre 2016

Tutte le bambine sognano di fare un ballo con l’uomo della loro vita. Un ballo in una grande sala con addosso un abito lungo e ampio, che a ogni giro di volta sembri prendere vita.

Alcune hanno la fortuna di fare questo ballo da grandi, il giorno del loro matrimonio. Altre, conservano gelosamente nei loro ricordi le prove di quel ballo, fatto da piccole, nella propria camera, abbracciate ad un peluche. Tante poi, sognano di partecipare al ballo delle debuttanti o di vivere in America per poter partecipare al ballo di fine anno. Insomma, anche la ragazza meno romantica al mondo ha richiuso in qualche cassettino della propria anima questo desiderio e sogna, nel profondo, di poterlo un giorno realizzare.

E forse per questo, l’uscita del trailer italiano del remake animato del film d’animazione della Disney più amato, ha scatenato un così grande successo. Stiamo parlando di Beauty and the Beast, “La Bella e la Bestia”, cartone uscito nelle sale esattamente nel novembre di 25 anni fa, e primo film d’animazione della storia del cinema ad essere candidato come miglior film. Diretto da Kirk Wise e Gary Trousdale, celebra la fiaba di Jeanne-Marie Leprince de Beaumont che vede protagonisti una giovane ragazza tenuta prigioniera da una bestia, nel suo castello. Si tratta di una delle fiabe più amate da genitori e bambini, perché insegna ad andare oltre le apparenze e infatti, la ragazza, impara ad andare oltre l’aspetto orribile e i comportamenti felini della bestia e si innamora del principe rinchiuso dentro a quel corpo.

Il remake in live action uscirà nelle sale italiane il 16 marzo 2017 con un cast corale che vanta nomi importanti, quale Emma Watson nel ruolo di Belle e Dan Stevens nel ruolo della Bestia. Diretto da Bill Condon, il film si preannuncia come un viaggio in un mondo magico, dove l’amore e il rispetto per le diversità la faranno da padrone. Un viaggio fatto di musiche e immagini fantastiche che permetterà di staccare, almeno per la durata del film, dai ritmi frenetici e dai problemi che caratterizzano la vita di tutti i giorni.

Perché nonostante siano trascorsi 25 anni dalla prima uscita di questo il film, il diverso ancora spaventa e la Disney, realizzando questo remake, vuole provare di nuovo a ricordarci che bisogna andare oltre ciò che è diverso. Perché niente è come sembra e – come avrete già letto in un’altra storia altrettanto famosa – l’essenziale è invisibile agli occhi. Ma al cuore no. Lui ci vede benissimo, e bisognerebbe seguirlo un po’ più spesso. Per tornare bambini e ricominciare a credere nelle fiabe. Perché le diversità all’inizio spaventano, ma poi sono proprio loro che ci insegnano ad amare davvero.