Senza condizioni
7 Novembre 2017
Big Little Lies: non è finita qui
8 Novembre 2017

By Barbara Cialdi
7 Novembre 2017

L’attesissima autobiografia di Nicoletta Strambelli, in arte Patty Pravo, è finalmente realtà. La ragazza del Piper, storico locale romano in cui si esibiva giovanissima, racconta mezzo secolo di amori, musica, ribellione ed anarchia e apre il sipario sulla sua scintillante carriera fatta di successi planetari e di 110 milioni di dischi venduti in tutto il mondo.

“La cambio io la vita che…”, è il titolo di questo, nuovo ed attesissimo diario della cantante veneta che sarà in libreria dal 7 novembre. Nata a Venezia il 9 aprile 1948 è la seconda artista donna, dopo la grande Mina, nella classifica degli italiani con il maggior numero di dischi venduti di sempre: basti pensare che il suo brano La bambola ha registrato, da solo, 40 milioni di copie vendute, diventando così un pezzo di culto anche all’estero. “E dire che non mi piaceva nemmeno così tanto” scrive nella sua autobiografia la Pravo.

Biondissima, esile, disinibita, Patty incarna l’immagine della donna sessantottina piena di passione e priva di tabù e oggi, alla soglia dei 70 anni, è ancora una donna di estrema sensualità e fascino. La sua emancipazione l’ha resa un idolo capace di fare presa su intere generazioni: merito di quell’aura che emanano solo le inarrivabili, elemento essenziale di ogni suo successo. La conturbante Patty non ha mai negato di aver avuto amanti famosi e non. Dal cantante Riccardo Fogli a Jimi Hendrix, dal musicista inglese Gordon Faggetter a Paul Jeffery senza contare i numerosi ammiratori incontrati durante le tournée e con i quali ha dichiarato di aver trascorso infuocate notti di passione. “I pensieri e gli aneddoti più personali me li sono tenuta per me: ogni donna deve avere i propri segreti”. Adesso tutto questo è divenuto un libro, scritto interamente di suo pugno. “Mi hanno chiesto se mi andava di scrivere la mia biografia, io ho semplicemente risposto di sì.” E ora, manoscritto alla mano, qualcuno potrebbe anche pensare di portare l’epopea della Patty sul grande schermo. Fuori dai cinema ci sarebbe la fila.