Indovina chi: a teatro con TiTo
24 Ottobre 2017
Il liscio perfetto
25 Ottobre 2017

By Alessandra Mazzolari
25 Ottobre 2017

“Cosa indossava?”. “Forse era vestita troppo provocante”. Troppo spesso ancora ci capita di sentire certe allusioni: lette così sembrerebbe che la causa scatenante della violenza sessuale (fisica o verbale) scaturisca da una provocazione della vittima piuttosto che dal comportamento deviato dell’aggressore. Frasi incresciose ogni tanto spuntano qua e là (ahimè) sui social network: è per stroncare sul nascere certi pregiudizi c offrire seri spunti di riflessione che presso lo storico ateneo di Kansas University è stata organizzata la mostra “What Were you Wearing?”. Il vestito che si indossa non può rappresentare un problema, e quindi Jen Broackman (organizzatrice della mostra e Direttrice del Centro per la prevenzione e formazione sessuale del Kansas) ha deciso di raccogliere le testimonianze di chi ha provato sulla propria pelle un’esperienza così terribile, esorcizzando il senso di colpa delle vittime attraverso i vestiti esposti. “Vogliamo che le persone possano vedere se stesse riflesse nelle storie, negli abiti”.

La mostra ha riscosso consensi e plausi da tutto il globo, tanto che è in cantiere una versione virtuale. Storie provenienti da diciotto studenti del Midwest: una ferita condivisa via social media, con una testimonianza tramite telefono o addirittura inviando una copia del proprio diario personale. “Molti sopravvissuti hanno visitato la mostra – ha spiegato Brockman – e hanno capito che non avevano alcuna colpa per quello che gli era successo. Essere in grado di trovare pace per i superstiti e creare un momento di consapevolezza per la comunità è il vero obiettivo del progetto“. Un piccolo traguardo per chi sta affrontando un lungo percorso di recupero, un sostegno per coloro che hanno dovuto sopportare la stessa sorte senza riuscire a gridare il proprio dolore.