The Starlet Letter #6 – Cosa indossare a un festival musicale

InsideTheSYSTEM #8 – #Fake-models#
4 Aprile 2013
Cosa indossare a un festival musicale
5 Aprile 2013

 

 

Ogni giorno mi arrivano chiamate, email, messaggi, di persone che mi chiedono cosa indossare a questo o a quell’evento. Sapete bene che non credo nelle regole imposte dalla moda, ed è difficile generalizzare quando si tratta di look, perché sono molti i fattori di cui tenere conto: la location, l’orario, la stagione, il dress code qualora presente, il clima, il tipo di fisico e di carnagione, e via dicendo. Ammetto però che, tante volte, anche a me è capitato di farmi prendere dal panico davanti all’armadio, indeciso sul cosa indossare. Alzi la mano chi non ha mai pronunciato le fatidiche parole “Non ho niente da mettermi!”
Ammettiamolo: la vita è già stressante di suo, perché complicarcela ulteriormente scervellandoci a pensare cosa indossare al mattino?

Da oggi, quindi, vi darò delle linee guide da seguire sullo stile migliore da adottare in ogni occasione. Analizzeremo le nuove tendenze, i punti forti di stagione e gli accessori più furbi, per essere sempre perfette.

Questa settimana, con l’arrivo della primavera, parliamo di festival.
State tranquilli, Sanremo non c’entra assolutamente niente!

Comincerà settimana prossima il Coachella, una delle manifestazioni più importanti della musica internazionale, che darà ufficialmente il via alla stagione dei festival musicali.
Sebbene in Italia non ci sia una vera e propria cultura del festival, all’estero sono eventi culturali molto attesi: tra i più importanti, il già menzionato Coachella (in California), il Bonnaroo (Tennesee), il Primavera Sound Festival (Barcellona), il SXSQ (Austin, Texas), il Glastonboury in Inghilterra e il Summerfest, il più grande festival musicale del mondo, che si tiene per 11 giorni a Milwaukee, nel Wisconsin.

Se siete tra le fortunate che partiranno alla volta di un music festival in giro per l’America o in Europa, o se avete in programma di partecipare all’Heineken Jammin’ Festival di Milano, al concerto del 1° Maggio a Roma, o semplicemente quello del vostro cantante preferito, vi basterà seguire qualche accorgimento per affrontare al meglio l’evento, senza rinunciare a un tocco di stile.

Sebbene le sue origini risalgano ai tempi di Woodstock, il concetto di “festival style”, così come lo intendiamo oggi, nasce nel 2005 a Glastonboury, quando Kate Moss venne fotografa in short di denim e stivali di gomma Hunter. Le galosce (wellingtons, o wellies) divennero estremamente popolari, e tutte le ragazze cominciarono ad emulare lo stile della top-model.
Da allora, molti brand si sono dedicati alla creazione di collezioni primaverili interamente dedicate allo stile festival (fantastiche quelle di Topshop!) e, col tempo, questi sono diventati un’importante passerella di stile, moda e beauty (ogni tanto, qualcuno parla anche della musica!!)

Quando si parla di festival, o in generale di concerti, la parola d’ordine è: comodità. Non è il momento migliore per sfoggiare i tacchi alti o gli stivali sadomaso che avete nell’armadio, perché dovrete stare in piedi per molte ore, ballare, saltare, e magari anche affrontare terreni insidiosi (come il fango). Puntate quindi sui classici, come gli Hunter, i Dr. Martens, gli stivali texani e gli anfibi, magari in una tinta pastello o con una stampa floreale. Se sapete già che farà molto caldo, concedetevi un sandalo basso o un paio di espadrillas.

Se volete ricreare lo stile di Kate Moss, sbizzarritevi con shorts in denim di tutti i tipi (a vita alta o bassa, sfrangiati, strappati, con decorazioni, stampe o borchie) e abbinateli a una canotta lunga o a un crop top. Puntate su accessori semplici e poco costosi, così da evitare di perdere gli orecchini di vostra nonna o quella spilla a cui tenevate tanto nella bolgia.
I concerti sono l’occasione ideale per sfoggiare il nuovo trend dell’estate, gli ear cuff, letteralmente “bracciali per le orecchie” che, in molti casi, non richiedono fori. Sono un accessorio insolito e divertente, grunge quanto basta ma di gran moda (li hanno utilizzati anche Cavalli e Dries Von Noten per le loro ultime sfilate). Completate il tutto con un paio di occhiali da sole e portatevi qualcosa di pesante per la sera, come un parka o un poncho caldo e avvolgente.

 

Crop top Boy London; stivali di gomma Hunter; pashmina All saints; occhiali da sole Oliver Peoples; shorts, ear cuff e parka Topshop.

Per uno stile più romantico e femminile, il look bohémien fa al caso vostro: Vanessa Hudgens è la star che meglio interpreta lo spirito “hippie” dei festival.
Pensate a Janis Joplin, e divertitevi con frange, piume, lunghe gonne di chiffon, gilet di pizzo e coroncine di fiori tra i capelli.
Inutile dirlo, sperare che la piastra regga fino a sera è una battaglia persa in partenza. Lasciate i capelli sciolti e disordinati, oppure raccolti in trecce e chignon, e optate per un trucco semplice e waterproof, che resista al caldo: sudare non è certo la cosa più chic del mondo ma, hey, shit happens.

Camicia Forever 21; gilet con frange George; shorts in pizzo River Island; bracciale in chiffon di seta Chan Luu; bracciale in metallo dorato Asos; anelli Accesorize; hairband H&M; borsa Dolce& Gabbana; scarpe Dr. Martens.

 

Le più stilose, che non vogliono rinunciare a un tocco glamour anche nelle situazioni più estreme, possono puntare su un maxidress con motivo a strisce bianche e nere – colori must per questa primavera – da abbinare a un giacchino di pelle o in denim. Un cappello a tela larga vi darà un’aria terribilmente chic, da sdrammatizzare con un paio di Converse basse e tracolla ton sur ton.

 

Maxidress stampato Miss Selfridge;cappello H&M; borsa a tracolla Cambridge Satchel Company; giubbino in denim Topshop; collana Zara; sneakers Converse.

A proposito di borse: scegliete quella giusta!
Preferite un modello comodo e capiente, come una tracolla o uno zainetto, meglio se vintage o di gusto etnico: non solo vi permetteranno di scatenarvi e alzare le mani al cielo a tempo di musica, ma sono molto pratiche in posti molto affollati (attenzione agli scippi)!

Shirt dress T by Alexander Wangn; maglione Denim& supply by Ralph Lauren; zainetto con stampa azteca Urban Outfitters; collana Zara; Good Charm miniemergency kit Ms. and Mrs.; bracciali H&M, scarpe Converse.

 

All’interno, ricordatevi una macchina fotografica per immortalare i momenti migliori, una pashmina, un ombrellino in caso di pioggia e una protezione solare se prevedete di stare all’aperto per molte ore (le ustioni non sono mai andate di moda).
Se avete intenzione di partecipare a un festival che dura più giorni, possono tornare molto utili i kit di sopravvivenza in formato mini, come quelli firmati Ms. and Mrs.: si tratta di set in versione mignon in cui c’è tutto l’occorrente che potrebbe tornarvi utile, dall’ago e filo ai cerotti, dalle mentine alla limetta per le unghie. Ricordatevi una bottiglietta d’acqua per non morire disidratate e, ovviamente, non dimenticavi i biglietti!
Buon divertimento!