The Starlet Letter #5 – The Purple Carpet

The Rolling Stones Crossfire Hurricane
29 Marzo 2013
L'Ipnotista: video teaser in italiano
29 Marzo 2013

Si è tenuta sabato scorso al Galen Center di Los Angeles la 26esima edizione dei Kids’ Choice Awards, l’evento annuale promosso dalla rete televisiva Nickelodeon, che premia i più amati dai bambini con il famoso dirigibile arancione.

Per noi profani, i KCA sono l’evento in cui siamo costretti a cercare tutti i “vip” che concorrono su Wikipedia (a cominciare dal presentatore, Josh Duhamel), e in cui il momento più atteso è quello in cui qualche celebrità a caso viene sommersa da una melma verde che cade dal soffitto (quest’anno è toccato a Sandra Bullock, probabilmente invitata nel ruolo di MILF).
Si tratta essenzialmente di una versione “mini” degli Oscar, in cui sono i più piccoli a votare.
E, permettetemi di dire: si vede! Non mi viene in mente nessun altro evento in cui Kristen Stewart e Selena Gomez possano vincere il premio come miglior attrice (rispettivamente, del cinema e della TV), Justin Bieber essere eletto come miglior cantante e i One Direction come migliore band!
Sarà per questo che, al posto del celebre red carpet, la passerella su cui sfilano gli ospiti è viola, il colore della penitenza: con vincitori del genere, non potevate certo aspettarvi altro!

Comunque sia, non siamo qui per discutere delle modalità o delle ragioni di esistere dello show stesso, ma per parlare di moda. I Kids’ Choice Awards sono un evento molto avvincente in fatto di look, in quanto non si tiene di sera e non impone un abbigliamento formale. Inoltre ci si trova in mezzo ai bambini ed è interessante vedere cosa indosseranno le star in un contesto casual ma comunque di rilievo. Dal punto di vista scientifico, è come osservare un ippopotamo fuori dall’acqua.

Parlando di ippopotami, cominciamo subito con Christina Aguilera, che sembra abbia finalmente ritrovato la retta via, e ha abbandonato gli outfit più attillati e giropassera ripiegando su un morigerato total black, in vista di tempi migliori. Il look richiama vagamente la sua Back to basics era, con pantaloni a vita alta e bretelle, e non rinuncia a un tocco di sensualità grazie alla semitrasparenza del top, sexy, ma non volgare. La cantante si è esibita con il cantante Pitbull sulle note della loro nuova hit “Feel the moment”, e sembra anche leggermente dimagrita. Non è di certo l’outfit dell’anno, ma siamo in netto miglioramento.

 

L’altro ospite canoro della serata è stata la cantante americana Ke$ha, accompagnata dal fratellino tredicenne Louis. Per l’evento, i due hanno scelto completi ispirati al film “Scemo + scemo”, con un tocco di Willy Wonka:

Ora, qui lo dico e qui lo nego: a me l’outfit di Ke$ha è piaciuto. Ok, è stravagante, ma sappiamo tutti che la cantante non è portatrice sana di buon gusto; inoltre, si trattava di un evento per bambini, quindi una nota divertente ci stava più che bene. Tolti gli occhiali da sole kitsch, il tailleur non era niente male: alla moda, nella scelta della tonalità pastello, e ricercato con gli inserti di pizzo, abbinato a manicure ton sur ton e Loboutin argentate. Paradossalmente, la cosa che mi ha sorpreso di più, è che questa mise così stravagante sia in realtà uno dei completi più eleganti fin’ora indossati dalla cantante!
Ma, si sa, tutte le cose belle durano poco: Ke$ha ha subito riscattato la sua vena trash con il costume da yeti in technicolor per l’esibizione sul palco, e il pigiama a fantasie di panda e pinguini che ha indossato poco dopo ai Genesis Awards.

Vorrei fare ora una piccola confessione personale: ci ho messo anni e anni per capire che Selena Gomez e Vanessa Hudgens NON erano la stessa persona. Ho capito che erano due persone diverse dopo l’uscita del film Sucker Punch e, sebbene ora sappia che Vanessa Hudgens è la stessa attrice di High School Musical, non ho ancora ben capito chi sia Selena Gomez e perché sia famosa.
Non vi nego, quindi, che ho avuto una certa difficoltà nell’individuare Selena Gomez tra un manipolo di adolescenti, tutte più o meno uguali, che potevano passare per Selena Gomez.
Giochiamo al gioco “Trova le differenze” e vediamo che indovina prima:

Soluzione: Selena Gomez è la seconda da sinistra. Le altre sono, nell’ordine: Ciara Bravo (non so chi sia), Khloe Kardashian (sorella sconosciuta delle Kardashian), Lucy Hale (“Pretty Little Liars”), Kylie Jenner (sorella sconosciuta e sfigata delle Kardashian, delle quali non ha nemmeno il cognome) e Madison Pettis (mai sentita). Sembra di trovarsi nel bel mezzo de “L’attacco dei cloni”.
Oppure, devono essere tornati di moda i cocker spaniel e nessuno mi ha detto niente!

Da una teen idol all’altra, ecco Ashley Tisdale, in Rafael Cennamo, in compagnia della front girl dei Black Eyed Peas, Fergie, da poco in attesa del primo figlio. E chi sarà mai il padre del bambino? Nientepopòdimeno che il sopracitato Josh Duhamel, conduttore dell’evento! Uno scoop meno interessante di una puntata di Beautiful, lo so, ma per dovere di cronaca mi sentivo di dirvelo.
La cantante, che assomiglia sempre di più a una statua del museo delle cere di Madame Tussauds, ha optato per un abito multicolor con stampa barriera corallina. This is the age of Aquarius!

Passiamo dal museo di Madame Tussauds al museo degli orrori: la girl band inglese Little Mix sembra il cast di Jersey Shore a Disneyland Paris, capitanate da Minnie Mouse (a sinistra) e Snooki (a destra). Grace Dzienny invece (a questo punto ho rinunciato a cercare gli ospiti su Google), prendendo spunto da “Via col vento” e “Tutti insieme appassionatamente”, ha ben pensato di cucirsi un vestito con le tende della cucina, mentre la più fantasiosa Haley Strode si è legata in vita un tappetino di Ikea.

L’abito verde evidenziatore di Ryan Newman, invece, non penso abbia bisogno di commenti.

Tra i look più vincenti, Jessica Alba, in un abito poco pretenzioso della stilista greca Mary Katrantzou; Willow Smith, che ha sapientemente abbinato un abitino Chanel a giacchino di denim e anifibi, Bella Thorne e Zendaya Coleman, che ha adottato un adorabile look da nerd vintage-chic (peccato per le scarpe alla Jessica Simpson)!

Carino anche il completo by Osman di Kristen Stewart, se non fosse troppo grande per lei e se lei non sembrasse un travestito vampiro (pensavo fosse brava a recitare in Twilight, invece ora capisco che quella è la sua espressione normale!)

Per concludere, un appunto: che la mise di Ke$ha possa piacere o meno, è stata sicuramente una scelta divertente e appropriata a un evento di bambini. Ricordiamoci che i Kids Choice Awards sono destinati a un pubblico giovane, anzi, giovanissimo. Detto questo, si sarebbe portati a pensare che i vestitini da escort e gli stivaloni sadomaso non sono certamente l’abbigliamento più adeguato a una manifestazione di questo tipo. Ecco. Appunto.
Katy Perry (vincitrice del premio miglior cantante, che Dio li perdoni!) ha avuto la brillante idea di presentarsi in reggiseno. L’outfit non è male, per carità, ma l’avrei riservato per un’altra occasione (qualsiasi altra occasione in cui un reggiseno sportivo sarebbe una scelta azzeccata, se viene una in mente)!
Avrei qualcosa da ridire anche sulla scelta di invitare l’automobilista Danica Patrick che, dopo le sue foto da calendario per automobilisti, non è esattamente la persona che vorrei i miei figli prendessero ad esempio.

 

Non so voi, ma a me manca infinitamente Bim Bum Bam.