The Christmas gift parade: 10 regali che nessuno vorrebbe mai ricevere

Piovono polpette 2 – La rivincita degli avanzi: character poster e trailer
25 Dicembre 2013
Il pianeta delle scimmie: Revolution – trailer, poster italiano e poster internazionali
26 Dicembre 2013

The Christmas gift parade: 10 regali che nessuno vorrebbe mai ricevere

Tre italiani su dieci rivenderebbero volentieri su E-bay i regali ricevuti.
No, il problema ‘sta volta non è la crisi!
In realtà pare che le festivitá natalizie inibiscano l’area del cervello dedicata al buon gusto in fatto di presenti.
Come è perché non è dato sapersi, ma dopo anni di ricerche antropologiche autonome, mi sento nelle condizioni di stilare la classifica dei 10 regali che nessuno vorrebbe ricevere.

Il pigiama. Avete mai sentito qualcuno esclamare “oh, quanto vorrei un bel pigiama nuovo” o “sto risparmiando per comprarmi il pigiama dei sogni” o anche semplicemente “caspita, che bel pigiama!”? Sono sicura di no ed è per questo che non credo ci sia bisogno di spiegare perché non si dovrebbe mai regalare un pigiama.

Saponette e saponi vari ed eventuali, set di bagnoschiuma agli agrumi di Sicilia, detergenti biologici ai centoventi aromi. È assolutamente cafone suggerire velatamente ai nostri cari di curare maggiormente la propria igiene, spacciandolo per un regalo.

Il regalo UTILE: dalle pantofole, alle mutande, passando dalla coperta termica, per arrivare alla batteria di pentole in acciaio inox; sappiate che se la reazione al vostro regalo è lo storico “grazie, MI SERVIVA PROPRIO”, rientrate a pieno titolo in questa classifica.

Il regalo che vorreste ricevere: il fatto che desideriate tanto un televisore a schermo piatto, cristalli liquidi, hd, cinquecentosessanta pollici, non significa che dovete regalarlo a vostra moglie.

Il regalo “CI CONOSCIAMO?”; è forse il peggiore di tutti; è il regalo che dimostra che l’autore non ha la più pallida idea dei gusti del ricevente. Se ci tenete a fare un pensiero a qualcuno che non avete ancora “inquadrato” perfettamente, meglio tenersi su qualcosa di classico. Evitate di regalare un pomeriggio in aliante a chi soffre di vertigini.

Il riciclato: quel portafogli in pelle color tabacco era già abbastanza brutto, prima di aprirlo e trovarci dentro mille lire stropicciate.

Orecchini FATTI DA VOI: è vero, vostra cugina Elisa vi ha detto che le vostre creazioni artigianali sono stupende e -colta da un attacco di positivitá feroce- vi ha pure invitato ad iniziare un attività commerciale online, ma tenete separato il bricolage dalla vostra vita personale, ne trarrete beneficio.

L’ultimo libro di FABIO VOLO: a prescindere dal fatto dovrebbero essere messi all’indice, se Fabio Volò è l’autore preferito di Giovanna è molto probabile che Giovanna sia già in possesso del tomo.

Vestiti ai minori di dodici anni. Mio nipote è stato piuttosto chiaro in merito: “zia, i vestiti non sono regali!”

Il solitario: non si regala un solitario a Natale. Punto. Chiedere ad una donna di sposarvi NON è un gift natalizio. (NDR Tratto da una storia vera)