Fabrizio Moro in Pace
6 Aprile 2017
L’essenza di Heath in una telecamera
6 Aprile 2017

By Barbara Cialdi
8 Aprile 2017

L’amore (… e le corna) ai tempi di Facebook e degli altri Social Network: se il tradimento è sempre esistito dai tempi dei tempi, oggi è ancor più agevolato grazie alle nuove tecnologie. Facebook, Twitter, WhatsApp e anche Linkedin (la piattaforma che dovrebbe favorire esclusivamente i rapporti di lavoro) sono i maggior Social Network ai quali la popolazione mondiale rivolge le proprie attenzioni in tema di adulterio. E se nel Regno Unito una separazione legale su tre è stata causata da Facebook, anche l’Italia non è da meno: circa il 20% delle coppie sposate “scoppia” proprio a causa della creatura di Mark Zuckerberg. E se il celeberrimo Social favorisce gli incontri è sempre lui che ne favorisce anche la disfatta.

Secondo un ricerca fatta dalla Associazione AMI (Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani) le infedeltà coniugali sono aumentate anche nella terza età, proprio grazie all’uso sfrenato dei Social Network e della chat. Si inizia per gioco, curiosità o per noia per poi proseguire in un’attività di seduzione che da “virtuale” si trasforma in “scappatella” nel 70% dei casi. Uomini e donne di tutte le età sono sempre più attratti da questo meccanismo di corteggiamento: in chat si sogna, si condividono esperienze e si crea un “universo parallelo” in cui, sempre più persone, si rifugiano a dispetto del rapporto col partner reale. Una sorta di evasione in cui spesso il tradimento è in agguato.

I Social Network come terzo incomodo, che possono distruggere la sintonia con il partner, sono quindi altamente pericolosi: aumentano infatti la voglia di assecondare le tentazioni, facilitando le conversazioni anche audaci, con il rischio di spingersi sempre di più, fino a “consumare” un vero e proprio tradimento che spesso viene scoperto a causa di una mancata attenzione: telefoni o pc lasciati incustoditi fanno “scoppiare” la coppia, mandando in fumo anni di relazioni stabili o rapporti appena iniziati. Una ricerca dell’Università del Missouri ha indagato altresì sugli effetti di Twitter: anche questo social risulta essere deleterio alla stabilità di coppia, favorendo scambi di battute immediate per iniziare flirt on line che spesso si trasformano in incontri reali. E se gli uomini tradiscono di più e vengono spesso scoperti, il 95% delle donne non vengono mai prese con le mani nel sacco, in quanto più brave a cancellare le tracce di possibili tradimenti.

Lo psicologo John Grohol, fondatore di Psych Central, ha stilato 7 cause di insoddisfazione nel rapporto di coppia causate proprio da Facebook:

1- Le dichiarazioni d’amore altrui posso causare frustrazioni verso la propria relazione. Le foto e i post degli altri possono influire negativamente sulla relazione con il proprio partner, facendo i confronti e aspirando a perfezionismi inarrivabili.

2- Condividere troppi post può causare litigi. Mettere foto con amici, parenti, colleghi in luoghi in cui magari il partner non è presente può causare incomprensioni e malumori. Meglio moderare!

3- Le coppie si spiano a vicenda su Facebook, invece che parlarsi. Molte persone controllano il partner ossessivamente su Facebook, provando spesso un senso di inadeguatezza. Basterebbe parlarsi guardandosi negli occhi e mettere da parte la tecnologia.

4- Famiglia e amici che continuano ad interagire con il partner. Suocere troppo curiose o amici super presenti, che commentano ogni post e foto, possono risultare invadenti e minare la serenità di coppia.

5- Una richiesta d’amicizia da parte di una vecchia fiamma può portare al tradimento. I vecchi amori sono spesso motivo di liti tra partners e ritrovare qualche Ex su Facebook può portare al desiderio di tornare indietro nel tempo, favorendo scambi di chat ed incontri. Il passato è passato, per rispetto al partner attuale non flirtare con gli Ex sarebbe buona educazione.

6- Dopo un tradimento, i Social rendono più difficile il recupero. Facebook e gli altri social scatenato sospetti e gelosie, brutti ricordi e sofferenza.

7-Controllare Facebook prima di dormire può danneggiare l’intimità ed il sonno. Navigare continuamente su Facebook, anche prima di andare a letto, può danneggiare seriamente la relazione. Meglio chiacchierare o, ancor meglio, fare l’amore.