Tigerlily, ecco chi è la DJ più hot del momento
14 Giugno 2016
MILANO FASHION WEEK – SPRING 2017 MENSWEAR. #DAYONE!
18 Giugno 2016

pitti_1

Non solo moda alla nuova edizione di Pitti Uomo, ma anche spettacolo, costume e gossip per questo 90esimo appuntamento dedicato all’universo maschile.

pitti_2
Che a Pitti Uomo se ne vedano ogni volta di tutti i colori è cosa ormai nota. C’è persino chi da i numeri tanto che il tema di quest’anno è proprio questo: la fortuna ed i suoi numeri, come buon auspicio a questo importante traguardo che la manifestazione ha raggiunto nel corso degli anni, affermandosi come riferimento mondiale per la moda uomo e le nuove tendenze del contemporary style.

Era il febbraio del 1972 quando andò in scena la prima edizione di Pitti Uomo al Grand Hotel Villa Medici di Firenze con 43 aziende espositrici e 526 compratori, quasi tutti italiani.
In questa edizione, dopo 44 anni, i compratori stimati sono circa 20.000, di cui 8.000 provenienti dall’estero. Numeri da capogiro quindi, che segnano l’evoluzione di un processo inarrestabile che ad ogni edizione migliora e si rinnova, sorprendendo il pubblico e divenendo sempre più globale.
P1TT1 LUCKY NUM3R5, celebra quindi la 90ESIMA edizione di questa prestigiosa manifestazione e punta sui numeri e sulle qualità che essi rivestono nel campo della moda.

pitti_3

Il set di Oliviero Bandini, mette in scena la Smorfia Napoletana con una grande parete dai 90 numeri che scandiscono il tempo di questa scommessa perenne con la vita, l’arte, i simboli e lo stile in generale. Perche il vero spettacolo- diciamolo- si svolge nei cortili della Fortezza da Basso e non solo negli Stand dei vari Brands, perché è li che i buyers, gli editors, gli stilisti, i bloggers si mettono in mostra, cercando di attirare l’attenzione dei fotografi, con outfit alquanto pittoreschi. Il mondo di Pitti ed i suoi numeri risiedono qui. Il confine tra chic e demodè è sottilissimo, ognuno ha voglia di giocare i propri numeri fortunati buttandosi in questo vortice variopinto, in cui la moda segna -come sempre- incredibili momenti di puro spettacolo umano.
E mentre la sobrietà di Adriano Panatta si ammira tra gli stand di Superga, Marco Bocci sceglie l’eleganza di Patrizia Pepe, Salvatore Esposito di Gomorra sorride da Gaelle Paris e la ex naufraga dell’Isola dei famosi 2015, Cristina Buccino incanta da BoyLondon e sfoggia una bellezza smagliante.
E ancora Max Baggi testimonial di Blauer e Marracash da STK Supertokyo sono tra le tante celebrities in giro tra i corridoi all’aperto -tra DJ set e bollicine -della Fortezza per assaporare questo anniversario della manifestazione.

E la moda per la prossima stagione estiva 2017 ci propone un uomo sportivo ma elegante, con un grandissima celebrazione del denim. E poi cravatte mimetiche e sahariane sexy, giacche damascate e grande spazio al tema militare, grande protagonista di questa nuova edizione. La sartorialità regna sovrana, tra righe dal sapore fresco e capi cuciti a mano per gli outfit destinati alle vacanze da usare anche in città, evocando la Costa Azzurra o il Salento con tessuti leggeri ed impalpabili, colori neutri e tagli comodi. Sono 1.222 i marchi presenti in Fiera e tutti hanno un comune denominatore: il rispetto per la qualità, l’attenzione per i dettagli e la cura dei materiali sempre più innovativi ed ecosostenibili.

pitti_5

Va in scena quindi una grande varietà di stili, tra rock e dandy, passando dal cowboy style fino all’eleganza classica del Made in Italy. E se questa 90esima edizione segna il ritorno di Raf Simons, uno dei più grandi pioneri della moda contemporanea, che ha lasciato Dior ed ha fondato un proprio marchio, la vera Star di quest’anno è il designer russo Rubchinskiy che dedica la sua sfilata a Pier Paolo Pasolini, con una collezione al limite dello street style, tra felpe che sembrano “tarocche” e pantaloni “sporchi” , scegliendo modelli che somigliano a ragazzotti di “periferie” e “sobborghi” non proprio eleganti. Insomma un vero contrasto se paragonato al mondo scintillante e patinato della moda messo in contrapposizione con la sua estetica di ragazzo cresciuto all’ombra della statua di Lenin.

Una stupefacente edizione che ha puntato molto anche sulla musica, con il concerto di Allevi in Piazza Pitti e la performance di Petite Meller durante il party organizzato da Bugatti.
Numeri da capogiro per P1TT1 LUCKY NUM3R5, dove la moda ci ha regalato emozioni e follia, leggerezza e poesia e – perchè no?- un pizzico di fortuna per celebrare al meglio questa folle esperienza aspettando la prossima, attesissima, edizione invernale a gennaio 2017.

pitti_4

Barbara Cialdi